venerdì,Luglio 1 2022

Anpi Savuto, il programma degli eventi dal 27 giugno al 2 agosto

In occasione di ciascuna delle iniziative sarà possibile sottoscrivere la tessera dell'Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

Anpi Savuto, il programma degli eventi dal 27 giugno al 2 agosto

Dal 30 maggio scorso, data dell’ultima riunione direttivo provinciale che ne ha decretato la costituzione, il Savuto Cosentino ha la propria sezione intercomunale ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia). Lo stesso direttivo provinciale ha individuato nella persona dello storico e giornalista Matteo Dalena il referente di sezione che, insieme al sindacalista e attivista Giuseppe Tiano, avrà il compito di guidare la sezione ANPI fino alla prima assemblea che si terrà il 4 luglio presso il Salone Consiliare del Comune di Rogliano. In quell’occasione si procederà all’elezione del presidente e delle altre cariche direttive.

Proprio per celebrare la nascita dell’importante presidio antifascista e resistente in un territorio vasto come quello del Savuto Cosentino, si è deciso di dar vita a un nutrito calendario di eventi che si svolgeranno dal 27 giugno al 2 agosto. In occasione di ciascuna delle iniziative sarà possibile sottoscrivere la tessera dell’ANPI.

Lunedì 27 giugno alle ore 18:30 nello spazio antistante la Mondadori Bookstore di Piano Lago (Mangone) si svolgerà l’inaugurazione della sezione. Oltre a Giuseppe Tiano, interverranno Marta Perrotta e Maria Pina Iannuzzi del Direttivo Provinciale ANPI di Cosenza “Paolo Cappello”. Nella seconda parte della serata è previsto un reading tratto dal libro “Quel garofano spezzato. Paolo Cappello 1890-1924” (Le Pecore Nere) di Matteo Dalena, introdotto dal professore Leonardo Falbo dell’ICSAIC e accompagnato dalla chitarra del maestro Rodolfo Capoderosa. Al termine saranno offerti “crustuli” e vino a tutti i partecipanti.

Giovedì 14 luglio alle ore 18:30 in piazza San Giorgio a Rogliano, verrà presentato il libro “I miei sette padri” (Produzioni dal Basso). Sarà nostro ospite l’autore, figlio di Aldo Cervi, fucilato assieme ai suoi sei fratelli e a Quarto Camurri a Reggio Emilia all’alba del 28 dicembre 1943. Raccontare la storia dei fratelli Cervi equivale a ripercorrere una delle più splendide pagine della Resistenza italiana, e farlo con chi l’ha vissuta come figlio, prima ancora che come compagno d’ideali, ci aiuta a leggere quelle vicende in un’ottica diversa, quella della storia familiare che conferisce ai fatti narrati un tono di familiarità, di intimo colloquio con delle figure che, fuori dai libri di storia, si presentano nella loro spontanea umanità di padri, zii, figli. Dialogheranno con l’autore Giuseppe Tiano (ANPI Savuto) e Fabrizio Di Buono (ANPI Paola). Al termine della presentazione si svolgerà la tradizionale Pastasciutta Antifascista, preparata secondo la ricetta tradizionale di Mamma Cervi dalla Brigata di Cucina Popolare “Piero Romeo”. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’ANPI di Paola.

Venerdì 29 luglio alle ore 18:30 nella Villa Comunale di Rogliano si terrà la lezione all’aperto del professore Leonardo Falbo sul tema: “Donato Bendicenti, la banda del Trionfale e le fosse Ardeatine”. All’avvocato nativo di Rogliano, partigiano eliminato alle fosse Ardeatine e medaglia d’argento al valore civile, è intitolata infatti la sezione intercomunale. A introdurre la lezione del professore Falbo sarà Paolo Palma, presidente dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, autore di diversi articoli e saggi sull’argomento. L’incontro è organizzato in collaborazione con lo stesso ICSAIC che ha sede all’Università della Calabria.

Martedì 2 agosto dalle ore 19:00 in una piazza di Grimaldi (da definire) è prevista la proiezione e presentazione del documentario dell’antropologo Giovanni Sole “Fino all’ultimo proiettile. Storia di un giovane partigiano calabrese” sulla figura di Basilio Bianchi. Il regista Giovanni Sole ne discuterà con Maria Pina Iannuzzi, già presidente ANPI Provincia di Cosenza “Paolo Cappello” che proprio durante il proprio settennato alla guida dell’associazione ha dato impulso alla realizzazione del documentario. Al termine dell’incontro è prevista una Pastasciutta Antifascista.