venerdì,Agosto 12 2022

Cosenza, la Villa Nuova diventa un villaggio dei diritti lgbtqia: ecco le iniziative in programma

Gli eventi ricordano l'anniversario dei moti di Stonewall del 1969, l'inizio delle battaglie per la conquista dei diritti civili, riconosciuti in tutto il mondo

Cosenza, la Villa Nuova diventa un villaggio dei diritti lgbtqia: ecco le iniziative in programma

In occasione del mese del Pride il sindaco Franz Caruso e il comune di Cosenza patrocineranno “Stonewall Inn”, un’iniziativa di Arci Cosenza e Cgil Cosenza. Il municipio, si colora arcobaleno oggi 27 mentre la Villa Nuova diventa un villaggio dei diritti #lgbtqia domani 28 alle 18.30 tra performance, dibattiti, mercatini e musica. Si è scelto di ricordare l’anniversario dei moti di Stonewall del 1969, inizio delle battaglie per la conquista dei diritti civili, riconosciuta in tutto il mondo.

«Il Comune di Cosenza sta facendo sentire la sua voce sui diritti civili, lavorando sin dai primi giorni, per esempio, all’insediamento di un garante dei diritti civili, di un tavolo permanente sulle disabilità, con l’approvazione di un Ordine del Giorno consiliare a sostegno della liberazione di Patrick Zaki, liberamente fortunosamente il giorno dopo in Egitto. Abbiamo attivato il reddito di libertà per le donne sottoposte a violenza. Abbiamo celebrato nostre due prime Unioni Civili!» si legge in una nota.

«Parteciperemo, come Comune, alla campagna nazionale UNAR contro la violenza omolesbobitransfobica per sostenere tutt* i cittadin* ad essere quello che sono, fedeli a se stessi. Ma non basta: collaborando con le tante associazioni, attiviste e attivisti della città, cercheremo di intercettare tutti i bisogni e di dare risposte, le più concrete ed efficaci possibili. Chi cerca aiuto, a Cosenza deve poterlo trovare sempre. Chiunque esso sia, da qualunque posto venga, a qualunque genere appartenga o senta di appartenere, qualunque sia il suo orientamento sessuale, la sua fede politica o religiosa, la sua condizione sociale» prosegue il comunicato.

«Cosenza ha una lunga tradizione libertaria e progressista che abbiamo il dovere di inverate anche oggi e trasferire al futuro. Siamo un Consiglio e una Giunta giovane e piena di voglia di fare e spero che questo si trasmetta nelle sensazioni delle nostre cittadine e cittadini. Proprio adesso è importante non abbassare la guardia, guardiamo a cosa succede negli USA con il diritto all’aborto. Oggi è l’Europa la nuova frontiera per i diritti civili» conclude la nota.

Articoli correlati