venerdì,Agosto 19 2022

Cosenza, arriva il caldo e manca l’acqua. Fratelli d’Italia: «Urgenti attività di controllo e vigilanza»

I consiglieri comunali Spadafora e Lucanto rivolgono un appello al sindaco Caruso affinché emani un'ordinanza urgente per disporre «il divieto assoluto dell'uso improprio della risorsa idrica»

Cosenza, arriva il caldo e manca l’acqua. Fratelli d’Italia: «Urgenti attività di controllo e vigilanza»

«Con il caldo torrido e l’arrivo dell’estate si presentano puntualmente i soliti problemi di erogazione idrica in alcune zone periferiche della città. In particolar modo nelle zone di Fiego, Lucido, Albo, Monterosa e Casellone, da inizio giugno si registrano lunghe serie di disagi per tanti cittadini che rimangono spesso e volentieri con i rubinetti a secco».  Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali di minoranza, esponenti di Fratelli d’Italia, Francesco Spadafora e Ivana Lucanto.

«Da una parte – continua la nota – l’ambiente sempre più arido e secco, dall’altra un continuo “sperpero” di acqua che viene utilizzata per scopi diversi da quelli di prima necessità. È raccapricciante e inaccettabile lasciare molte famiglie senz’acqua perché alcuni praticano attività di irrigazioni in modo irregolare. E in questo quadro, comunque di forte criticità che ci appelliamo al sindaco, Franz Caruso, affinché possa emanare con urgenza un’ordinanza nella quale si disponga il divieto assoluto dell’uso improprio della risorsa idrica».

«Tale provvedimento – aggiungono i consiglieri – non solo si rende necessario a causa dell’aumento delle temperature e della scarsità delle precipitazioni ma dovrà prevedere un’adeguata attività di controllo e vigilanza, sia da parte dei tecnici comunali preposti che dal corpo dei vigili urbani, al fine di sanzionare coloro che violino il provvedimento in argomento».