venerdì,Agosto 19 2022

Padre e figlio di Roggiano accusati di detenzione e spaccio

Il comportamento sospetto del ragazzo ha portato i militari a effettuare una perquisizione durante la quale sono venuti allo scoperto quantitativi di stupefacente

Padre e figlio di Roggiano accusati di detenzione e spaccio

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Marco Argentano, nel corso di un servizio di controllo del territorio di Roggiano Gravina, Comune della Valle dell’Esaro, finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti e dei reati in genere, hanno tratto in arresto un ragazzo classe ‘98 per detenzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana, e denunciato il padre di quest’ultimo, avendo nella sua disponibilità analoga sostanza, sottoponendo complessivamente a sequestro penale 110 grammi di marijuana e 15 grammi di hashish. I Carabinieri di San Marco Argentano, nel vigilare il centro storico di quel Comune, hanno notato il ragazzo che alla vista dei Militari dell’Arma aveva cambiato repentinamente strada, ma era stato comunque rapidamente raggiunto e sottoposto a perquisizione personale dopo il vano tentativo di liberarsi di un involucro sospetto che si è scoperto, dopo, contenere sostanza stupefacente. Sono stati poi rinvenuti altri cinque involucri di cellophane trasparente contenenti marijuana. La perquisizione è stata così estesa al domicilio, in cui i militari hanno rinvenuto nella disponibilità anche del padre del ragazzo, altra sostanza stupefacente suddivisa in ulteriori 34 confezioni sigillate con cellophane trasparente ed un bilancino elettronico di precisione. I controlli, proseguiti nel corso della serata dai militari dell’Arma, hanno portato in particolare i Carabinieri della Stazione di Spezzano Albanese a segnalare alla Prefettura di Cosenza una terza persona che, a seguito di perquisizione personale, veniva trovata in possesso di un grammo di cocaina. L’arrestato, dopo le formalità di rito, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza, è stato condotto presso la propria abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di udienza di convalida.