venerdì,Agosto 19 2022

“Narratori dentro. Storie fuori da carcere”, i racconti dei detenuti di Paola

Appuntamento presso il Chiostro di San Domenico, a Cosenza, il 5 luglio alle 17.30. Si tratta di una serie di racconti scritti in dialetto

“Narratori dentro. Storie fuori da carcere”, i racconti dei detenuti di Paola

«Siamo orgogliose di presentare un libro che abbiamo amato ancor prima di leggere, perché vissuto, scritto con il cuore. Stiamo parlando di “Narratori dentro. Storie fuori da carcere”, nato da un progetto di Antonio Carpino e scritto dai detenuti della CC di Paola, edito dalla nostra amata casa editrice Le Pecore Nere – Italia» spiegano le. libraie di Raccontami.

«Si tratta di una serie di racconti penati e scritti, nella forma a loro più congeniale, ossia il dialetto, da chi, nelle carceri ci trascorre la quotidianità. Antonio li ha tradotti (ci sarà, quindi, il doppio testo) per dare a tutti e tutte la possibilità di entrare in un universo ancora troppo sconosciuto. Noi avremo l’onore di dialogare con l’autore, ma anche con Loredana Giannicola, dirigente USP di Cosenza e Maria Pina Iannuzzi, editrice de Le Pecore Nere.
Altro grande onore sarà ascoltare alcuni estratti del libro dalla calda voce di Ernesto Orrico. Lo faremo in un posto che ci accoglierà per la prima volta e che noi amiamo, il Chiostro di San Domenico, a Cosenza, il 5 luglio alle 17.30, in una sala che (non temete!) sarà dotata di aria condizionata».

«Vi invitiamo ad esserci, a sfidare l’afa cosentina, per qualcosa che rimarrà sempre nei cuori e nelle menti.
Questo Antonio scrive nella prefazione. “L’empatia è cara, l’empatia ha un prezzo alto che paghi in silenzio, ogni giorno, ogni volta che nel ripetersi della normalità ti fermi a pensare. La sera ti spogli, entri nel letto, ti adagi sotto il piumone caldo, e pensi. Pensi che Pasquale ora sta in un letto non suo, sotto coperte dure, poco accoglienti, magari al freddo. La mattina ti alzi, fai scorrere l’acqua che diventa calda, ti insaponi nella tua doccia di un metro per un metro, e pensi. Pensi che Carmine, evidentemente in sovrappeso, che non dovrebbe mangiare tanto e che a vederlo sembra un gigante dal suo metro e novanta, ora si sta lavando, una metà per volta“».