venerdì,Agosto 19 2022

Rende, dai banchi di scuola alla scoperta del centro storico grazie a “Conosci il tuo borgo”

Presentati i risultati del progetto che ha coinvolto gli studenti degli istituti primari e secondari di primo grado della città

Rende, dai banchi di scuola alla scoperta del centro storico grazie a “Conosci il tuo borgo”

Con il convegno di presentazione dei risultati e la cerimonia di consegna dei diplomini, svoltosi mercoledì sera al Museo del Presente, sì è concluso il progetto “Conosci il tuo borgo”, finanziato dalla presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le Politiche della famiglia – Avviso “Educare”.

«Sono stati mesi all’insegna della condivisione dei saperi, della socialità e del riappropriarsi degli spazi storici urbani», si legge in un comunicato del Comune di Rende. L’iniziativa, che ha coinvolto gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado della città, è stata molto partecipata da parte delle famiglie, docenti, tutor e accompagnatori del progetto Puc “Ti accompagno”. Presenti il sindaco Marcello Manna e le assessore Annamaria Artese e Marta Petrusewicz, oltre al coordinatore del progetto Davide Franceschiello.

Durante il convegno si è sottolineata l’importanza sociale del progetto in un momento storico particolare in cui c’è da riconquistare i momenti di socialità persi durante l’emergenza da Covid19, nonché l’importante rivalutazione, associata alla valorizzazione, del centro storico di Rende ottenuta con il progetto, uno degli obiettivi primari di questa amministrazione sin dal suo insediamento.

Il progetto, infatti, oltre a strutturare e consolidare una vera e propria comunità educante fatta di “luoghi sociali di crescita”, di spazi sociali e progettualità multidisciplinari integrate ed inclusive, presentava l’obiettivo della rivitalizzazione condivisa, valorizzazione e fruizione consapevole del patrimonio culturale del borgo antico di Rende.

Così i bambini sono andati alla scoperta dell’arte e dei misteri del cielo e della cucina, mettendo in campo le proprie abilità oratorie e creative, a volte nascoste e arricchendo così il rapporto con gli altri e le capacità interrelazionali. Grazie anche al coinvolgimento della Bottega della creta di via Vergiglio e del ristorante l’Arco in via Bella Arintha i bambini hanno potuto vivere e conoscere il borgo antico della loro città.

Sono state inoltre realizzate la mostra fotografica, di pittura e quella di ceramica con le opere dei ragazzi, tuttora visitabili presso il Museo civico di Palazzo Zagarese.

Svolta anche l’apericena, con degustazione dei prodotti, pizze, polpette e pasticciotti preparati dai ragazzi del laboratorio di cucina. Realizzato, poi, un murales, in via Capizzano (zona scale mobili dietro l’edificio postale) a conclusione del percorso laboratoriale di street art. Inoltre l’avvincente caccia al tesoro e la lettura pubblica in Piazza Italia (Villaggio Europa), la serata di osservazione astronomica con il dipartimento di Fisica dell’Unical, oltre alla rappresentazione teatrale hanno suggellato un percorso di crescita per l’intera comunità.

Ai partecipanti sono stati donati i gadget raffiguranti i monumenti del centro storico di Rende, in modo da mantenere vivo il ricordo del progetto, ma soprattutto per rafforzare il loro legame con la città e la sua ricca storia.