giovedì,Ottobre 6 2022

Pd, Guccione: «Non mi tiro indietro». Poi però una stoccata a Letta

L'esponente cosentino dei democrat inserito al terzo posto nel listino per la Camera: «Ho sempre detto sì a sfide impossibili e farò lo stesso adesso. Quando il Capitano smarrisce la rotta bisogna aiutarlo»

Pd, Guccione: «Non mi tiro indietro». Poi però una stoccata a Letta

Carlo Guccione è stato inserito al terzo posto del listino per la Camera e nelle scorse ore ha avallato la candidatura nel collegio uninominale di Cosenza di Vittorio Pecoraro al posto di Enza Bruno Bossio. All’esponente cosentino dei democrat erano state fatte tuttavia altre promesse quando fu spinto a rinunciare al posto da consigliere regionale. In una nota, oggi pomeriggio attacca nemmeno tanto velatamente il segretario nazionale del Partito Democratico Enrico Letta, ma ribadisce fedeltà ai democrat. «Ho inteso la mia militanza politica senza mai guardare a interessi personali o a singole ambizioni. Ho lottato – dice – contro ogni forma di trasversalismo e combattuto battaglie, in particolare sulla Sanità, per l’interesse del territorio e dei cittadini».

«Le mie scelte sono sempre state dettate dall’impegno e dalle sfide – evidenzia ancora Guccione -. Sfide a volte quasi impossibili, dalle quali non mi sono mai sottratto. Testimonianza ne è la mia disponibilità nel 2016 alle elezioni amministrative di Cosenza quando, a 48 ore dalla presentazione delle liste, il candidato a sindaco di centrosinistra ha abbandonato il campo. Anche oggi, senza nascondere la mia amarezza e consapevole di aver subito un torto, non farò mancare il mio impegno e la mia mobilitazione per il PD. Combatterò senza risparmiarmi in questa difficile campagna elettorale da militante e candidato».

Alla fine arriva la stoccata ad Enrico Letta che tuttavia non nomina mai. «Quando il Capitano smarrisce la rotta e rischia di portare la nave alla deriva, non è il tempo di abbandonarla ma di dare una mano a ritrovare la giusta rotta».