giovedì,Ottobre 6 2022

Concept Design Festival, a Cosenza si parte nel segno della sostenibilità – VIDEO

I temi dell'etica e dell'ecologia sono al centro dell'iniziativa, insieme alla bellezza, con il coinvolgimento di imprese artigiane e manufatturiere ed aziende locali

Concept Design Festival, a Cosenza si parte nel segno della sostenibilità – VIDEO

Da oggi (22 settembre) al 28 ottobre si apre il sipario alla Galleria Nazionale di Cosenza sulla prima edizione del Concept Design Festival, una rassegna di architettura promossa dalla Società Scientifica RiAgita, curata dagli architetti  Rosanna Algieri, Domenico De Rito e Pino Scaglione, incentrata sulla esposizione di modelli innovativi di arte e di arredo realizzati con tecniche e materiali sostenibili senza rinunciare all’estetica.

I temi dell’etica e dell’ecologia sono al centro dell’iniziativa, insieme alla bellezza, con il coinvolgimento di imprese artigiane e manufatturiere ed aziende locali che operano seguendo i canoni dello sviluppo sostenibile. «Con l’ambiziosa prospettiva – dice Pino Scaglione, originario di Cosenza che insegna all’Università di Trento – di portare in Calabria un po’ di bellezza nei luoghi in cui la bellezza c’è ma rischia di disperdersi.

L’architettura, il design sono discipline che si stanno oggi ricentrando intorno alla ecologia, alla sostenibilità, e vogliamo che questo diventi patrimonio della cultura calabrese». Superecologic è il claim dell’iniziativa articolata in mostre e seminari. In occasione di questa prima edizione, poi, sarà lanciato il Premio Concept, un riconoscimento di valore ad iniziative innovative in grado di produrre cambiamenti nell’ambiente urbano, nel design, nella comunicazione, nell’arte, per stimolare in Calabria e al Sud, percorsi d’innovazione, di ricerca nel mondo del progetto e delle produzioni.

L’esposizione si concentra sul design classico e con materiali riciclati e riciclabili. Prosegue con la prima parte, al piano terra della Galleria, de “La natura radicale”, ovvero il lavoro artistico sul corpo femminile come impronta ecologica, di Adele Ceraudo, e al piano superiore, nei diversi ambienti sono con gli artisti, Donatella Pinocci, Flavio Tiberio Petricca, Giulio Telarico, Raha Vismeh, invitati alla rassegna, per interpretare il tema del rapporto tra uomo, ambiente, natura. Negli stessi spazi, a seguire nell’itinerario, oggetti e prodotti di design classico, descrivono la recente traiettoria dal mobile moderno ad oggi, per poi proseguire con altre installazioni che fanno riflettere sul tema di questa edizione di Concept Design Festival.

Un Manifesto espositivo, intorno a Grafica, Design, Architettura, Fotografia vede protagonisti, Cose Belle Festival, Lanificio Leo, Lina Malfona, Netti Architetti, Aldo Presta, Ovo Design, Studiocharlie, Studio Gum, Kiasmo, Luca Chistè, Marica Greco, Marco Introini. Aziende del mondo del Design come Vitra, Molteni, Egoitaliano, Flos, tra le altre selezionate, scendono a Cosenza a mostrare i loro pezzi di “design durevole” senza tempo e che non si butta mai, così come tutte le ricerche su prodotti ecologici, ma ci sono anche i Fratelli Cesario, di Cosenza, con la loro Casa Ecologica, La Viessmann colosso italo tedesco del Comfort Energetico, il Design selezionato dello Show Room di Serafino Mazzei e la 500 elettrica di Fiat-Carlomagno, di Rende, le facciate autopulenti di Casalgrande Padana e ancora altri prodotti.

L’architettura, la fotografia, la grafica, l’illustrazione arricchiscono i seminari, in collaborazione con gli Ordini professionali, a partire dal 22 settembre e fino al 28 ottobre, inclusa una conferenza sulla cattedrale e la città, dedicata a questo complesso e affascinante rapporto nei suoi ottocento anni di vita di cui si sta celebrando l’anniversario proprio in questo 2022.