giovedì,Dicembre 1 2022

Elezioni 2022, la Valle dell’Esaro vota centrodestra. Tranne a Spezzano Albanese

Il cuore della provincia di Cosenza esprime la preferenza per Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega e Noi Moderati. Malissimo il Pd

Elezioni 2022, la Valle dell’Esaro vota centrodestra. Tranne a Spezzano Albanese

Come si è comportata la Valle dell’Esaro alle ultime elezioni Politiche 2022? Il territorio posizionato nel cuore della provincia di Cosenza, sorride al centrodestra, grazie a Fratelli d’Italia e Forza Italia, due partiti che hanno trascinato la coalizione di centrodestra. Bene anche il Movimento Cinque Stelle: i voti presi nella Valle dell’Esaro hanno fatto da contraltare a quelli ottenuti dal centrodestra in altre zone del collegio uninominale alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica. In questo l’analisi è incentrata sulla Camera.

Elezioni 2022, come ha votato la Valle dell’Esaro

A Fagnano Castello, il centrodestra ottiene il 47,24%, mentre il M5S non va oltre il 29 per cento (28,26%). Solo il 14,06% per Vittorio Pecoraro, candidato del centrodestra. Punteggi più alti a Malvito, dove il centrodestra prende il 52,09%. Molto dietro i grillini con il 27,49%. Sotto l’11% il centrosinistra. A San Sosti altra vittoria del centrodestra (44,06%), con il M5S che non supera i 30 punti percentuali (29,91%). Dietro Vittorio Pecoraro e il centrosinistra con il 18,16%. Mottafollone, invece, è in controtendenza: successo per il centrosinistra (37,13%). Al “secondo posto” il centrodestra con il 34,81%, terza posizione per Anna Laura Orrico (M5S) con il 19,62 per cento. A Sant’Agata d’Esaro il candidato Andrea Gentile (centrodestra) conquista il 50 per cento dei consensi, mentre i grillini si fermano al 23,97%. Male il centrosinistra: 16,44% per Pecoraro.

Anche a San Marco Argentano troviamo la scia del centrodestra, con il 40,17% dei voti utili al candidato Andrea Gentile, mentre Anna Laura Orrico è stata scelta dal 38,63% degli aventi diritto al voto. Percentuali basse per Vittorio Pecoraro, sotto il 13 (12,32%).

Infine, gli ultimi comuni. A Roggiano Gravina centrodestra al primo posto con il 40,12%, poco sotto il M5S (38,23%). Molto indietro il centrosinistra (13,41%). A Tarsia finisce così: 49,46% per il centrodestra; 30,73% per il M5S, 12,53% per il centrosinistra. Ed eccoci a Spezzano Albanese (collegio uninominale di Corigliano Rossano), feudo della sinistra, dove la candidata grillina Vittoria Baldino batte con il 41,18%, Domenico Furgiuele (poi eletto al suo posto nella sfida complessiva) e Gianni Papasso, sindaco di Cassano Ionio, e candidato del centrosinistra. La musica cambia a San Lorenzo del Vallo, dove esulta il centrodestra, mentre si leccano le ferite il M5S e Unione Popolare che supera addirittura il centrosinistra. In chiusura Altomonte (collegio Corigliano Rossano): lo schema si ripete. Centrodestra avanti (46,45%), Vittoria Baldino al 33,55% e Gianni Papasso (11,45%).

Articoli correlati