giovedì,Dicembre 1 2022

Arresti a Cosenza, scarcerato Massimiliano Lo Polito. Tassone ai domiciliari

Nuove decisioni del tribunale del Riesame di Catanzaro, nell'ambito dell'inchiesta antimafia della Dda, coordinata dal procuratore capo Nicola Gratteri. A Domenico Salerno obbligo di firma

Arresti a Cosenza, scarcerato Massimiliano Lo Polito. Tassone ai domiciliari

Nuovi provvedimenti cautelari nella giornata del 29 settembre 2022, da parte del tribunale del Riesame di Catanzaro, in merito all’inchiesta sugli arresti a Cosenza. Dopo i ricorsi rigettati dei soggetti che farebbero parte del presunto gruppo mafioso guidato da Antonio Abruzzese, alias “Strusciatappine”, i giudici del Tdl hanno accolto in toto l’istanza di scarcerazione presentata da Massimiliano Lo Polito, ritenuto uno dei pusher cosentini che spacciano sostanze stupefacenti. L’indagato, difeso dagli avvocati Angelo Pugliese e Giuseppe Stabile, era in carcere da 30 giorni e ora può tornare in libertà. Insussistenti, rispetto alle accuse della Dda di Catanzaro, i gravi indizi di colpevolezza.

Leggi anche ⬇️

Lascia il carcere anche Francesco Tassone, difeso dall’avvocato Angelo Pugliese, coinvolto nel capitolo dedito al narcotraffico. In questo caso, il Riesame di Catanzaro ha condiviso parzialmente le argomentazioni difensive, concedendo all’indagato la misura cautelare degli arresti domiciliari. Infine, non è più ai domiciliari l’indagato Domenico Salerno, assistito dall’avvocato Angelo Pugliese, indicato dall’accusa come uno dei soggetti dediti allo spaccio di droga. Il Tdl ha applicato allo stesso la misura dell’obbligo di firma. Nella giornata del 1 ottobre 2022, sono attese altre decisioni. Tra queste quella di Ariosto Artese, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Articoli correlati