giovedì,Dicembre 1 2022

Grinta e caparbietà: “Speedy” Martino alla conquista di Cosenza

Il terzino del Cosenza, al secondo anno in assoluto tra i professionisti ed al primo in B, sta dimostrando il suo valore gara dopo gara.

Grinta e caparbietà: “Speedy” Martino alla conquista di Cosenza

Pietro Martino si sta dimostrando un’arma in più per il Cosenza. Il terzino, giunto in Calabria in punta di piedi dopo l’annata di Foggia, cresce gara dopo gara. La sua prova contro il Como di venerdì non è passata inosservata.

In campo all’improvviso

Anche perché Dionigi lo ha praticamente buttato in campo senza preavviso visto l’infortunio di Rispoli dopo 8 minuti. Martino è entrato nell’azione del primo gol con il cross al centro e poi, per il resto della partita, non ha mai fatto mancare grinta e caparbietà alla squadra. Nella ripresa soprattutto, la sua velocità è poi diventata un fattore. Imprendibile per gli avversari. Nel momento in cui il Cosenza è passato a tre e Martino ha dovuto coprire tutta la fascia poi, solo per delle inezie le progressioni del 27 non sono diventati dei micidiali contropiedi: un paio di passaggi sbagliato, una palla troppo lunga letta bene da Ghidotti in uscita disperata.

Buonissimo inizio

Martino sta dando prova che lui in Serie B, può starci benissimo. Perché questo, per il classe 1997, è solo il secondo anno di professionismo. Fino al 2021 ha sempre e solo giocato in Serie D. Poi l’occasione sfruttata bene con il Foggia di Zeman in C prima della chiamata del Cosenza. Finora Martino ha sempre timbrato la presenza. Dall’inizio o a partita in corso, terzino destro o terzino sinistro, Dionigi lo ha sempre chiamato in causa. I margini di miglioramento sono evidenti. In fondo, a 25 anni, c’è ancora tutto il tempo di recuperare il tempo perso. Magari proprio con la maglia rossoblù addosso.

Articoli correlati