sabato,Novembre 26 2022

Luigi Aulicino vince il campionato interregionale Aci Karting Basilicata e Calabria

Il 26enne di Santa Maria del Cedro corre per il Team, Montera Racing: «Questo risultato è frutto di molta dedizione e di un grande lavoro di squadra»

Luigi Aulicino vince il campionato interregionale Aci Karting Basilicata e Calabria

Si chiama Luigi Aulicino, ha 26 anni, è di Santa Maria del Cedro ed è il nuovo vincitore del campionato interregionale Aci Karting Basilicata e Calabria, disputato sui circuiti di Santa Domenica Talao, in provincia di Cosenza, e Marcellinara, nel Catanzarese. La vittoria è arrivata grazie ai nove punti di distacco inflitti al secondo classificato.

«Questo risultato – dice Aulicino – è frutto di molta dedizione e di un grande lavoro di squadra». Il giovane corre per il Team Montera Racing. «La scuderia mi ha fornito un mezzo fortissimo, con cui siamo riusciti a fare la differenza». Il neo campione ha parole di gratitudine anche per i numerosi sponsor che l’hanno sostenuto. «La vittoria è anche merito loro, a cui va il mio ringraziamento». Il campionato 2022 è cominciato a marzo scorso e si è concluso pochi giorni fa.

Chi è Luigi Aulicino

Luigi Aulicino ha cominciato a correre sui kart a soli quattro anni, ma ha dovuto attendere il 2004 prima di cominciare a gareggiare. Il regolamento, infatti, consente di disputare le gare solo al compimento degli otto anni. La sua passione lo ha spinto sempre al massimo sulle piste, tanto che negli anni è riuscito a trionfare in altre tre campionati.

La prima volta è accaduto nel 2007. Dopo aver sfiorato nuovamente l’impresa l’anno successivo, ha riconfermato il primato nel 2009 e poi nel 2013. Alla passione per i motori, Aulicino affianca quella per lo studio. Attualmente, sta scrivendo la tesi della laurea magistrale in Economia aziendale, che discuterà all’Unical.

Il legame con il papà

Luigi si allena moltissimo, dentro e fuori le piste di kart. Il giovane, infatti, passa molte ore anche in palestra per curare la forma fisica e aumentare la resistenza. Ma il segreto del suo successo è suo padre. «Ringrazio papà Pino – dice in ultimo – che mi segue sempre e ha creduto in me fin dall’inizio».

Ha creduto in lui anche quando, dopo sei anni di stop, nell’anno più difficile, nel 2020, è tornato in pista, disputando due gare. Il vero ritorno c’è stato nel 2021, che nella classifica finale lo ha visto piazzarsi al secondo posto. Nel 2022 è tornato definitivamente a vestire i panni del campione in sella alla sua monoposto numero 96.