sabato,Novembre 26 2022

Zaky è arrivato alla Terapia intensiva neonatale dell’Annunziata. E sono subito abbracci

Le caratteristiche di Zaky sono straordinarie, perché mantengono la termoregolazione e riducono lo stress. Inducono inoltre ad una stabilità emotiva

Zaky è arrivato alla Terapia intensiva neonatale dell’Annunziata. E sono subito abbracci

Nella Terapia intensiva neonatale di Cosenza arriva Zaky: lo speciale guanto/marsupio grande e morbido, capace con la sua forma unica e caratteristica, di “simulare” l’abbraccio di mamma e papà anche quando non sono accanto al neonato.

Tutti i neonati presenti di Cosenza, nel reparto diretto dal dottor Gianfranco Scarpelli, potranno sfruttare così il dispositivo progettato da una mamma statunitense che ha vissuto con il suo bambino Zachary il percorso della TIN, da qui il nome di Zaky.

Si tratta di un guanto in morbido tessuto ipoallergenico, capace di riprodurre le carezze e gli abbracci dei genitori. Le caratteristiche di Zaky sono straordinarie, perché mantengono la termoregolazione e riducono lo stress. Inducono inoltre ad una stabilità emotiva e ad un equilibrio neuro-sensoriale indispensabili per migliorare le condizioni cliniche generali dei neonati.

L’insolito “collaboratore” è stato donato al reparto, diretto da Gianfranco Scarpelli, da un gruppo di cittadini, vicine alla Neonatologia dell’Annunziata. Questi sono particolarmente sensibili, consapevoli del fatto che contatto e vicinanza sono elementi fondamentali nella cura dei neonati in Tin.

Articoli correlati