giovedì,Dicembre 1 2022

Lirica al Rendano, Verdi stasera riporta Cosenza all’opera

La 57esima stagione vedrà anche il debutto nel teatro di tradizione dell'orchestra brutia

Lirica al Rendano, Verdi stasera riporta Cosenza all’opera

Se il caldo non permetterà di togliere le pellicce dalla canfora, non mancheranno le mise brillanti (tornate prepotentemente in auge) come vuole tradizione, per ammiccare tra la folla del foyer quando il sole è calato da un pezzo e l’orchestra accorda nel golfo mistico.

Il teatro di tradizione di Cosenza, riapre le porte alla sua musica d’elezione: la lirica. Sarà “Il Rigoletto” di Giuseppe Verdi ad aprire le danze stasera della 57ma stagione del Rendano che vedrà anche il debutto dell’orchestra brutia nel suo alveo naturale.

In cartellone sono due i titoli operistici in programma (l’altro è il “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti) a suggello della prima rentrée del Rendano nel circuito dei finanziamenti del FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo) di cui sarà beneficiario il Comune di Cosenza  per la prossima triennalità (2022/2024). 

A mettere la firma d’arte sul progetto è il maestro Luigi Stillo, esperto nel settore, che ha alle spalle collaborazioni a produzioni e allestimenti del Rendano, in qualità di Maestro di sala.

Per l’occasione, tornerà sul podio del Rendano il maestro Daniele Agiman, che diresse, proprio al Rendano, lo scorso anno “Il Barbiere di Siviglia”, nel 2008 una versione di “Tosca” di Giacomo Puccini e, nel 2009, “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo, insieme a “Maria Olivares” di Domenico Giannetta. Sarà il baritono Alberto Gazale, a vestire i panni del protagonista, la regia è di Renato Bonajuto, il coro è il “Francesco Cilea” diretto dal maestro Bruno Tirotta.

Articoli correlati