giovedì,Dicembre 1 2022

Adesione all’ArriCal, i sindaci prima di firmare vogliono vederci chiaro

A farsi interprete dell’esigenza, promossa di concerto con tutti gli altri colleghi è il Primo Cittadino Filomena Greco

Adesione all’ArriCal, i sindaci prima di firmare vogliono vederci chiaro

Prima dell’adesione all’Ente di Governo dell’Autorità Rifiuti e Risorse Idriche della Calabria (ARRICAL), i sindaci della provincia di Cosenza vogliono vederci chiaro sull’organizzazione che sarà data ai servizi sui territori.

A farsi interprete dell’esigenza, promossa di concerto con tutti gli altri colleghi è il Primo Cittadino Filomena Greco che, anche in vista della scadenza fissata entro i 30 giorni, ha sottoscritto insieme ad altri 81 sindaci la richiesta di un incontro urgente al dipartimento ambiente, alla giunta regionale e all’Arrical.

In merito alla gestione dei rifiuti e del servizio idrico integrato gli amministratori vogliono avere, in particolare, chiarimenti e delucidazioni sulle responsabilità, sulla riscossione, sulla manutenzione ordinaria e straordinaria, sulla richiesta di eventuali finanziamenti da destinare agli interventi per l’efficientamento dei servizi, sulla riduzione dei costi di conferimento in discarica. Domande ed interrogativi – aggiunge il Primo Cittadino – che non trovano risposta nella bozza di delibera trasmessa dalla Regione ai Comuni.

I firmatari

Insieme a Filomena Greco, Sindaco di Cariati, hanno sottoscritto la richiesta i sindaci Gianni Gabriele di San Giorgio Albanese, Donatella Deposito di Parenti, Agostino Chiarello di Campana, Luigi Lettieri di Cropalati, Vincenzo Pellegrino di Amantea, Francesco Silvestri di Verbicaro, Vincenzo De Marco di San Sosti, Pasquale Taverna di Bianchi, Michele Guardia di Sangineto, Elvira Cozza di Belsito, Linda Cribari di San Fili, Luigi Lirangi di Terranova da Sibari, Giacomo Perrotta di Scalea, Marcello Gaccione di Lappano, Pino Capalbo di Acri, Nicolò De Bartolo di Morano, Umberto Federico di Luzzi, Antonio Iorio di Tortora, Ermanno Cennamo di Cetraro, Lucia Nicoletti di Santo Stefano di Rogliano, Giacinto Mannarino di Longobardi, Cosimo De Tommaso di San Lucido, Francesco Tripicchio di Acquappesa, Stefano Graziano di Paludi, Gianni Papasso di Cassano, Simona Colotta di Oriolo, Giuseppe Rizzo di Cerzeto, Virginia Mariotti San Marco Argentano, Alfonso Benevento di Bocchigliero, Rosaria Amalia Capparelli di San Benedetto Ullano, Domenico Vuodo di Alessandria del Carretto, Maria Antonietta Pandolfi di Nocara, Giuseppe De Santis di Rovito, Vincenzo Conte di Cellara, Roberto Barbieri di Rose, Francesco Fucile di Bisignano, Rosanna Mazzia di Roseto capo Spulico, Luca Lepore di Aiello Calabro, Antonio Cuglietta di Serra d’Aiello, Gioberto Filici di Cervicati, Raffaele Giglio di Fagnano Castello, Antonella Blandi di Lattarico, Enzo Scanga di Lago, Manuela Labonia di Pietrapaola, Antonio Carlomagno di Cerchiara, Paolo Calabrese di San Martino di Finita, Lucio Franco Raimondo di Torano Castello, Roberto Lavalle di Santa Caterina Albanese, Lucia Papaianni di Paterno Calabro, Stanislao Martire di Casali del Manco, Gregorio Iannotta di San Vincenzo La Costa, Giuseppe De Monte di Rita Greca, Ernesto Magorno di Diamante, Antonio Muto di Pietrafitta, Alessandro Tocci di Civita, Gennaro Capparelli di Acquaformosa, Pietro Tucci di Marzi, Vincenzo Rocchetti di Guardia Piemontese, Umberto Mazza di Caloveto, Gianfranco Segreti Bruno di Domanico, Giuseppe Bosco di Firmo, Ferruccio Mariani di Mongrassano, Roberto De Marco di Grimaldi, Paolo Pappaterra di Mormanno, Francesco De Rosa di Malito, Orazio Berardi di Mangone, Lucio Di Gioia di Cerisano, Mariangelina Russo di Laino Borgo, Mimmo Lo Polito di Castrovillari, Carmine Ferraro di Lungro, Daniele Sisca di S. Sofia d’Epiro, Pietro Amatuzzo di Malvito, Paolo Montaldo di Villapiana, Renzo Russo di Saracena, Vincenzo Tamburi di San Basile, Angelo Catapano Frascineto, Gaetano Palermo di Laino Castello, Gianpietro Coppola di Altomonte, Giovanni Pirillo di Longobucco, Antonio Palermo di Mendicino.

Articoli correlati