giovedì,Dicembre 1 2022

Paola, il mare restituisce un esemplare (morto) di tartaruga Caretta caretta

Le forti ondate della mareggiata ne hanno restituito il corpo senza vita sul lungomare

Paola, il mare restituisce un esemplare (morto) di tartaruga Caretta caretta

La forte mareggiata che sta sferzando il litorale tirrenico cosentino, oltre a spazzare ogni cosa incontrata al suo passaggio, nella risacca di ogni ondata sta consentendo ritrovamenti sorprendenti.

Tra le tonnellate di cianfrusaglia ammassate sulla battigia, in mezzo a pezzi di arredo urbano divelti dalle loro postazioni, sul marciapiede del lungomare San Francesco di Paola ha depositato anche il cadavere di una grossa tartaruga.

Apparentemente integro, l’esemplare di Caretta caretta che stamane ha intralciato il passaggio dei pedoni, ha immediatamente attirato l’attenzione delle autorità, intervenute prontamente dopo la prima segnalazione effettuata dall’assistente ai bagnanti Cristian Caputo.

Sollecito, il nucleo ambientale della Polizia Municipale ha allertato il personale della Guardia Costiera, che giunto sul posto si è fatto carico della povera carcassa, sottoponendola ad una preliminare analisi prima di inviarla in Sicilia, a Brancaleone, dove gli esperti del Centro di Recupero Tartarughe Marine (CRTM), saranno in grado di stabilire le cause della morte.

Secondo una prima e sommaria ispezione, si tratterebbe di un esemplare in salute, deceduto in seguito alla probabile ingestione di un amo da pesca, che potrebbe averne determinato il decesso già nei giorni scorsi.

Articoli correlati