venerdì,Dicembre 9 2022

Violenza sulle donne, Penna: «Il processo penale non è un deterrente»

«L’odio e la vendetta - scrive la criminologa e avvocato - assai in voga ultimamente tra alcuni politici ed anche incredibilmente tra alcuni operatori del diritto, non possono in alcun modo contribuire a far arretrare il terribile fenomeno dei delitti di genere»

Violenza sulle donne, Penna: «Il processo penale non è un deterrente»

L’avvocato criminologa Chiara Penna, interviene alla vigilia della giornata contro la violenza sulle donne. «Mai come in questo momento è necessario ricordare che la violenza contro le donne e contro i soggetti fragili e vulnerabili in generale, si combatte solo ed esclusivamente con la cultura del rispetto delle differenze e non attraverso le gogne mediatiche e giudiziarie».

«L’odio e la vendetta – scrive – assai in voga ultimamente tra alcuni politici ed anche incredibilmente tra alcuni operatori del diritto, non possono in alcun modo contribuire a far arretrare il terribile fenomeno dei delitti di genere. Seppur tale idea pare serpeggiare, il processo penale non è, invero, uno strumento di educazione sociale, non è un mezzo attraverso il quale si combattono i fenomeni criminali di nessun tipo, non è un deterrente al compimento di atti violenti. Inasprire le pene e introdurre “processi speciali” invece che prevenire, è una posizione evidentemente legata a concetti ormai superati da oltre 400 anni, quando l’illuminismo giuridico ha introdotto principi di civiltà giuridica che dovrebbero essere assolutamente ormai metabolizzati».

«Non è un caso se, ad esempio, non è stato affatto risolutivo e nè ha funto da deterrente alla violenza di genere, il cosiddetto “codice rosso”. Dietro a quello che viene definito dal punto di vista sociologico e criminologico “femminicidio” ci sono – dice Chiara Penna – motivazioni che hanno a che fare con l’annientamento della donna in quanto donna. Ció basta a considerare che non ogni omicidio di donna è femminicidio. Il drammatico fenomeno è, difatti, da intendersi come il prodotto della violazione dei diritti umani della donna in ambito pubblico e privato. Violazione che si manifesta attraverso varie condotte misogine giustificate dalla società stessa che, mettendo la donna in una posizione indifesa e di rischio, possono culminare con la sua uccisione».

«Non si parla pertanto solo di “eliminazione fisica” ma anche di altre forme di violenza come: suicidi indotti, incidenti o sofferenze psichiche procurate dall’insicurezza, dal disinteresse delle istituzioni, dall’esclusione della partecipazione alla vita pubblica e dall’annullamento dell’identità. Il tutto nel totale disinteresse da parte dello Stato. Se si continuerà, dunque, a pensare erroneamente che ogni omicidio di donna è femminicidio, accomunando così condotte che hanno matrici intra psichiche distanti, non si comprenderanno mai le cause del fenomeno e non si troverà mai una soluzione.
Solo attraverso l’attuazione di vere e proprie azioni – conclude la criminologa – volte a rendere più forti, consapevoli ed economicamente autonome le donne, con la promozione di serie politiche di educazione al rispetto e al riconoscimento di pari diritti tra consociati, si puó davvero dare risposta alle reali istanze di tutela di chi si trova ad affrontare percorsi di uscita da situazioni di violenza».

Articoli correlati