domenica,Marzo 3 2024

Rota Greca, picchia la moglie e il giudice lo caccia di casa

Lite esplosa la sera della vigilia di Natale, il giudice ha disposto nei suoi confronti il divieto di avvicinamento all'abitazione della vittima

Rota Greca, picchia la moglie e il giudice lo caccia di casa

Una lite esplosa la sera della vigilia di Natale, l’ennesimo maltrattamento in famiglia e un marito manesco allontanato da casa con un provvedimento giudiziario emesso dal Tribunale. Sono gli ingredienti del triste 24 dicembre trascorso da una donna e dai suoi due figli a Rota Greca. Al loro arrivo nell’abitazione, infatti, i carabinieri hanno trovato la più giovane delle donne in lacrime, sua madre con una ferita sanguinante in testa e l’altro figlio malconcio a seguito di una ripassata di botte.

A determinare tutto questo era stato A.M. di 46 anni, padre e consorte delle vittime, che i militari hanno trovato in stato d’agitazione, e che ha poi ammesso le circostanze per lui incriminanti. Il diverbio era sorto mentre sua moglie era intenta a preparare la cena. L’uomo era adirato con lei a seguito di un piccolo incidente stradale senza conseguenze occorsole nel pomeriggio. E così le si è avvicinato strappandole un pezzo di pane dalle mani. La donna ha reagito, contestandogli un comportamento familiare spesso sopra le righe, e per tutta risposta lui ha impugnato un grosso coltello da macellaio. Non lo ha utilizzato, ma in seguito ha colpito la donna e anche il figlio giunto in soccorso della mamma.

Qualcuno dei presenti ha poi avvertito i carabinieri della locale stazione che, giunti sul posto, hanno ricostruito l’accaduto. In sede di denuncia, la moglie ha precisato che non si trattava di un maltrattamento isolato, ma che a suo dire gli stessi vanno avanti almeno dal 2019. A suo carico, il giudice Iole Vigna ha emesso un decreto di avvicinamento all’abitazione e ai luoghi frequentati dalle vittime. L’uomo, dunque, dovrà trovarsi un altro tetto.

Articoli correlati