venerdì,Giugno 14 2024

Interruzione di gravidanza, accordo tra Asp e ospedale di Cosenza per garantire il diritto

L'Annunziata ha sottoscritto un protocollo della durata di un anno con l'Azienda sanitaria in base al quale è stato individuato un medico che dovrà occuparsi di questa prestazione

Interruzione di gravidanza, accordo tra Asp e ospedale di Cosenza per garantire il diritto

Un protocollo con l’Asp di Cosenza per garantire l’interruzione volontaria di gravidanza all’interno dell’ospedale: così l’Annunziata cerca di sopperire al vuoto creatosi dopo che l’unico medico non obiettore impiegato nella struttura aveva deciso di passare all’obiezione di coscienza.

Il caso era stato sollevato dalle proteste del collettivo Fem.In, che più volte ha manifestato davanti alla struttura e aveva anche incontrato i vertici aziendali per chiedere di trovare al più presto una soluzione per garantire alle donne il diritto stabilito dalla legge 194/78.

Nei mesi scorsi infatti l’Ao aveva pubblicato un avviso urgente a seguito del quale era stata individuata una professionista esterna per svolgere la mansione, ma a fine novembre il medico ha presentato le proprie dimissioni, diventate effettive a metà dicembre, lasciando di nuovo l’ospedale senza nessuno preposto all’interruzione volontaria di gravidanza.

La proposta, adesso, è arrivata dall’Asp di Cosenza e prevede un accordo di un anno per prestazioni aggiuntive, l’ivg appunto, delle quali si dovrà occupare il ginecologo Martino Curia. La soluzione era stata anticipata nel corso dell’ultimo incontro tra Fem.In e Azienda ospedaliera, nel corso del quale il collettivo aveva fatto però presente la necessità di almeno due medici per poter garantire la continuità del servizio nell’attesa che questo venga definitivamente stabilizzato.

Articoli correlati