domenica,Gennaio 29 2023

Aiello Calabro, doppio evento in teatro per la Giornata della memoria

Sarà prima presentato un film che documenta il coraggio dei calabresi a Ferramonti e poi il libro sulla vita della scrittrice Elsa Morante

Aiello Calabro, doppio evento in teatro per la Giornata della memoria

In occasione della Giornata della memoria, venerdì 27 gennaio 2023 l’amministrazione comunale di Aiello Calabro e la compagnia teatrale BA17 organizzano presso il Teatro comunale un doppio appuntamento per commemorare le vittime dell’Olocausto, il primo dei quali rivolto agli alunni delle scuole dei tre gradi di istruzione. Alle dodici sarà proiettato “La croce e la stella”, il film che documenta il coraggio mostrato dai calabresi nel campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia. Seguirà l’incontro con gli attori Luigi Cantoro e Salvatore Pate, quest’ultimo anche produttore dell’opera.

A partire dalle 18, invece, si terrà la presentazione del libro “Elsa” pluripremiato romanzo sulla vita della scrittrice Elsa Morante che racconta la sua emozionante relazione con Alberto Moravia sullo sfondo di un’epoca di oppressione in cui la forza della poesia ha saputo vincere sugli orrori della guerra. Sarà presente l’autrice Angela Bubba, scrittrice calabrese e protagonista di un dialogo a più voci condotto da Antonio Chieffallo, presidente e fondatore del premio Muricello.

«È un dovere mantenere vivo il sacrificio di milioni di vittime innocenti che persero la loro vita in una spaventosa fabbrica di morte, costruita dai totalitarismi della metà del primo novecento e dalle ideologie che li hanno ispirati che hanno trovato in ebrei in maggior parte, ma anche rom e sinti, omosessuali, oppositori politici, disabili nemici da estirpare» commenta il sindaco di Aiello Calabro, Luca Lepore, rimarcando la necessità «di trasmettere ai nostri giovani quanto è stato affinché non se ne perda memoria e non si ripeta mai più una simile barbarie. La nostra Carta costituzionale rappresenta un baluardo a difesa dei nostri diritti fondamentali che ha cancellato le pagine buie della dittatura che non vanno però dimenticate».

Articoli correlati