sabato,Gennaio 28 2023

Fenomeno”Pulpette”, tutti pazzi per la rivista letteraria cosentina di incubi e deliri

Nata nel periodo pandemico, oggi festeggia il quarto numero con una cover, ispirata a un monumento bruzio, per collezionisti

Fenomeno”Pulpette”, tutti pazzi per la rivista letteraria cosentina di incubi e deliri

Nata nel periodo più pulp del Ventunesimo secolo, quando dai film postapocalittici la realtà ci ha precipitato nei titoli d’inizio di un incubo collettivo, Pulpette(letto così com’è scritto), una rivista cartacea vecchia maniera e di genere, a Cosenza festeggia il suo quarto numero. L’ispirazione attinge dalla fantascienza, l’horror, il weird, categorie letterarie che nel mondo raccolgono milioni di estimatori anche molto raffinati. A distanza di due anni dal numero zero, sabato sera la redazione ha organizzato un incontro, molto partecipato quanto appassionato, nella sede di Coessenza per la presentazione dei racconti ispirati al tema “Il male e l’inverno”, sotto l’egida di una cover di grande impatto (tutte le copertine sono ispirate ad angoli di Cosenza ripensati in chiave horror). «Ci dicevano che eravamo dei pazzi – ha raccontato Giovanni Canadé, tra i fondatori della rivista e curatore della rubrica dedicata a Carpenter – perché qui non esisteva niente del genere e nascere in un momento così complicato, come l’esplosione della pandemia, era davvero una follia». E invece la sfida di Canadé, Nazareno Loise e dell’editore di Edizioni Erranti, Emilio Pellegrino, è stata vincente. L’esplorazione del lato oscuro dell’uomo, sviscerato attraverso racconti sanguinolenti e, alcune volte, ispirati al vero (come nei contributi di Francesco Caravetta) ha attirato l’attenzione di decine di autori in tutta Italia che ogni giorno inondano con le proprie visioni, la redazione di Pulpette sperando di essere scelti per i numeri in pubblicazione. «Un’attenzione che ci gratifica – ha aggiunto Loise – e che ogni giorno ci rende consapevoli che questa creatura nata quasi per gioco, è diventata una realtà su cui c’è molta attenzione». A contribuire al successo sono anche gli artisti che, di volta in volta, disegnano le bellissime copertine che contraddistinguono i numeri, vere e proprie perle da collezione.

Pulpette, stampato in formato tascabile, è disponibile in librerie, in edicole scelte e sul sito dell’editore, www.edizionierranti.org

In primo piano Giovanni Canadè, Emilio Pellegrini, Nazareno Loise
La cover dell’ultimo numero

Articoli correlati