venerdì,Giugno 21 2024

Praia, Albino Console (IdM): «Regolamentare la gestione dei fitti stagionali»

Il componente della direzione provinciale di Italia del Meridione: «E' opportuno un cambio di rotta anche nella gestione selvaggia e irregolare dei fitti stagionali delle case»

Praia, Albino Console (IdM): «Regolamentare la gestione dei fitti stagionali»

«In vista della stagione estiva, considerati inoltre i fatti di cronaca che poco hanno giovato alla reputazione di un territorio, quello dell’alto Tirreno cosentino, già di suo problematico, è opportuno un cambio di rotta anche nella gestione selvaggia e irregolare dei fitti stagionali delle case. Una presa di posizione in nome della legalità e che è in netto contrasto contro l’abusivismo del settore e l’illegalità diffusa che non rispetta norme e procedure. Basta leggere le varie pagine social, dove vengono proposte locazioni senza alcun controllo ed evadendo ogni forma di tassazione». Lo comunica, in una nota, Albino Console, esponente della direzione provinciale Cosenza di Italia del Meridione, il movimento politico fondato da Orlandino Greco.

Le richieste del movimento

«Come IdM – continua Concole -, chiediamo a partire dall’amministrazione comunale, un’azione mirata ad un controllo più serrato e nel caso alla denuncia di chi selvaggiamente continua a gestire profitti in nero e in barba ad ogni tipo di regolamentazione. Le agenzie immobiliari restano le realtà riconosciute e deputate all’esercizio, legalmente riconosciuto per la gestione degli immobili, che siano essi in fitto o in vendita ed, inoltre, sono garanti del versamento della tassa di soggiorno nonché dell’identità degli inquilini, tassello fondamentale per il controllo del territorio».

Ed in ultimo: «In virtù degli sforzi che l’amministrazione di Praia a Mare nell’ambito della sicurezza cittadina ha già profuso, siamo oltremodo certi che questa sollecitazione verrà accettata di buon grado, con la consapevolezza di remare verso un unico obiettivo – conclude – che è la governance del territorio in nome della legalità, sicurezza e rispetto delle regole».