sabato,Maggio 25 2024

Approvata dal Comune di Cosenza la Consulta Intercultura

La consigliera Alessandra Bresciani: « La diversità, quando è riconosciuta e gestita come una risorsa, produce risultati positivi in termini di creatività, benessere e sviluppo economico»

Approvata dal Comune di Cosenza la Consulta Intercultura

Nel corso del Consiglio comunale svoltosi il 31 marzo scorso, è stata approvata all’unanimità la Consulta Intercultura. Un risultato molto soddisfacente, considerato che durante i lavori in Commissione la minoranza si era astenuta.

«La Consulta – spiega la consigliera Alessandra Bresciani – è nata per promuovere e gestire iniziative pubbliche di natura culturale, sociale, ricreative e sportive, con l’obiettivo di divulgare e cercare di risolvere le problematiche dei migranti e della loro integrazione nel nostro Paese. Per poter realizzare tali iniziative, è fondamentale avviare la creazione di una rete di relazioni e di collaborazioni con i soggetti, pubblici e privati, che sul territorio si occupano di immigrazione e integrazione a vario titolo. Si dovrà, ora, avviare insieme una collaborazione in grado di costruire un percorso partecipativo e delle progettualità comuni in funzione di una integrazione sostanziale che coinvolga e veda protagonisti sia i cittadini stranieri, sia quelli italiani».

Alessandra Bresciani evidenzia un altro aspetto fondamentale finalizzato. «Per dare concretezza ed efficacia all’azione della Consulta – dice – rendendola interlocutrice e tramite naturale di istanze, bisogni e interventi, è necessaria la conoscenza della Consulta da parte sia dei cittadini stranieri residenti, sia dell’intera comunità locale». 

«È da evidenziare che il Consiglio d’Europa e le sue città partner hanno sviluppato e validato un approccio interculturale all’integrazione e all’inclusione che permette alle città di cogliere i benefici e ridurre i rischi legati alla mobilità umana e alla diversità culturale. La diversità, quando è riconosciuta e gestita come una risorsa, produce risultati positivi in termini di creatività, benessere e sviluppo economico. Ringrazio – conclude Alessandra Bresciani – il sindaco, la segretaria generale, la dirigente Fittante, il settore  Welfare, l’assessora Veronica Buffone che hanno accolto favorevolmente la mia proposta e tutti i colleghi che hanno collaborato alla stesura del Regolamento per la costituzione della Consulta Intercultura, frutto di un lavoro impegnativo iniziato due anni or sono».

Articoli correlati