lunedì,Giugno 24 2024

Rende Teatro Festival, sul palco arriva Lino Guanciale con “Non svegliate lo spettatore”

L'attore, interprete in tv del "commissario Ricciardi", porterà in scena la vita e le opere dello scrittore Ennio Flaiano

Rende Teatro Festival, sul palco arriva Lino Guanciale con “Non svegliate lo spettatore”

Il 29 maggio, con lo spettacolo di Lino Guanciale “Non svegliate lo spettatore” si concluderà la quarta edizione del “Rende Teatro Festival”, sotto la direzione artistica di Alfredo De Luca. L’intera kermesse è parte del progetto “Tirreno Festival”, patrocinata dall’omonimo Comune di Rende e cofinanziata dalla Regione Calabria.

Uno tra i più variegati parterre di ospiti che ha saputo divertire il pubblico calabrese quasi sempre in chiave sold out: Angelo Duro, Enrico Brignano e il doppio spettacolo, Max Angioni, Francesco Procopio, Elena Sofia Ricci, Beppe Grillo, Francesco Paolantoni, Gió di Tonno, Andrea Pucci, Andrea Delogu e ora Lino Guanciale. Sono questi gli attori, dal primo grande debutto a Rende o dal ritorno sul palcoscenico del CineTeatro Garden, che hanno reso esplosiva e per tutti i gusti questa edizione.

Esibizioni anche fuori abbonamento, che hanno fatto registrare numeri importanti e particolare apprezzamento del cartellone proposto. A chiudere la carrellata in programma, toccherà all’attore Lino Guanciale, attualmente impegnato in tv con il “Commissario Ricciardi”.

Il celebre attore porterà in scena la vita e le opere dello scrittore Ennio Flaiano: difatti questo spettacolo è un vero e proprio inno a Flaiano, senza tralasciare altri capolavori della cinematografia italiana.

Lo spettatore sarà guidato in un viaggio senza tempo, in cui rivedrà attuali personaggi di grande caratura – oggi quasi dimenticati – della letteratura, del cinema e del teatro italiano; questo viaggio non possiede soltanto sfumature storico-artistiche ma pullulerà di moniti ed insegnamenti per fronteggiare le sfide quotidiane dell’esistenza umana.

Le scene saranno accompagnate dal commento musicale di Davide Cavuti, lo spettacolo è a sostegno della Fondazione Lene Thun, che offre attività di volontariato e laboratori di ceramico-terapia ai bambini dei reparti di Oncologia Pediatrica di tutta Italia.

«Sostenere una causa così importante, mi riempie il cuore di gioia e conferisce alla rassegna teatrale una particolare componente umana: non solo i miglior show proposti lungo tutto lo stivale, ma anche una campagna di sensibilizzazione su una tematica che merita i riflettori sempre accesi», dichiara il direttore De Luca, già impegnato nella prossima programmazione che sarà inaugurata dal duo comico più ricercato del momento, Pio e Amedeo.

Ringrazia, inoltre, il pubblico di questa stagione teatrale accorso da tutta la Calabria e gli abbonati onnipresenti in sala.