lunedì,Giugno 17 2024

Longobucco, Baldino (M5s): «No alla soppressione della classe prima dell’IPSIA di Longobucco»

I genitori degli alunni interessati hanno ricevuto una lettera dall'Usp che li invita a iscrivere i propri figli in un altro istituto della Provincia. La deputata ha presentato un'interpellanza al ministro Valditara

Longobucco, Baldino (M5s): «No alla soppressione della classe prima dell’IPSIA di Longobucco»

«Per quanto di sua competenza il ministro dell’Istruzione Valditara adotti le opportune iniziative per scongiurare la soppressione della classe prima dell’IPSIA di Longobucco, garantendo il diritto all’istruzione degli studenti longobucchesi oggi coinvolti in un isolamento di fatto della loro comunità, scongiurando al tempo stesso lo spopolamento del centro abitato, già soggetto al fenomeno del calo demografico, oppure l’abbandono scolastico determinante un’ulteriore diminuzione degli studenti».

Leggi anche ⬇️

É quanto chiede in un’interpellanza, depositata nella giornata di ieri, la vicecapogruppo M5S a Montecitorio Vittoria Baldino. «Nei giorni scorsi è arrivata una comunicazione ai genitori degli alunni iscritti alla classe prima dell’IPSIA di Longobucco perché iscrivano i propri figli presso altri istituti scolastici della provincia. Una comunicazione da addebitarsi a una nota ricevuta dall’istituto professionale longobucchese dall’ufficio scolastico provinciale di Cosenza che non avrebbe concesso l’autorizzazione per la classe prima per l’anno scolastico 2023/2024 in ragione dell’esigua quantità degli studenti iscritti – scrive nel documento – la deputata Baldino.

Va considerato che l’istituto professionale è situato in un comune montano, dall’altro che la classe prima risulta composta tra gli altri da due studenti con forte disabilità motoria. Da sé questi due elementi sono ragione di deroga alla normativa che fissa il numero minimo di studenti per classe. Ma a tanto va aggiunto l’isolamento in cui nelle ultime settimane e senza prospettive di tempo è sprofondata la comunità longobucchese per effetto del crollo del viadotto Ortiano 2, sulla “Sila mare”, e per l’estrema pericolosità dell’unica strada alternativa ora percorribile. La chiusura della classe – si conclude così il testo dell’interrogazione – potrebbe determinare ulteriore causa di spopolamento di uno dei più antichi centri calabresi o ragione di abbandono scolastico. Questo in una regione che già segna un tasso di abbandono scolastico ben oltre la media nazionale. Serve pertanto un intervento ministeriale che garantisca il diritto costituzionale all’istruzione».