sabato,Maggio 25 2024

Caso Andrea Gentile, tutto rinviato. Orrico (M5S) sul piede di guerra | VIDEO

La decisione è arrivata dopo l'incontro tra il presidente della Camera, Lorenzo Fontana, il leader del Movimento Giuseppe Conte e il questore della Camera Paolo Trancassini.

Caso Andrea Gentile, tutto rinviato. Orrico (M5S) sul piede di guerra | VIDEO

È stata rinviata di una settimana la seduta della giunta per le elezioni della Camera, dopo la protesta del M5S che ha bloccato i lavori. La decisione è arrivata dopo l’incontro tra il presidente della Camera, Lorenzo Fontana, il leader del Movimento Giuseppe Conte e il questore della Camera Paolo Trancassini.

Occupata l’aula della Giunta per le Elezioni della Camera

I deputati del Movimento 5 stelle stanno occupando l’aula della Giunta per le Elezioni della Camera, che si sarebbe dovuta riunire per approvare l’emendamento di Forza Italia sulla nullità delle schede, emendamento contro cui si batte da settimane il M5s.

L’emendamento a prima firma Pittalis è stato sottoscritto da tutta la maggioranza e riguarda il testo sulla valutazione di validità o nullità delle schede alle politiche. Il centrodestra propone che siano considerate valide anche le schede nelle quali sono stati espressi voti su più liste a sostegno di uno stesso candidato nei collegi uninominali, ad ora considerate invece nulle. Per i 5 stelle si tratta di un “tentativo di sovvertire il voto democratico”. La questione riguarda in particolare il ricorso presentato in Calabria dal candidato azzurro Andrea Gentile, risultato non eletto, mentre la vittoria se l’è aggiudicata la M5s Anna Laura Orrico.

La stessa deputata cosentina ha postato sul suo profilo Fb un video in cui spiega le ragioni della protesta. «Il centrodestra e in particolare FI vuole stravolgere i criteri del Rosatellum e del vademecum del Viminale per ribaltare il voto a favore del figlio di una nota famiglia politica calabrese che ha governato per tanti anni, io l’ho battuto e ai colleghi del centrodestra dico che se l’esito non può essere rispettato allora toglieteci a questo punto il diritto di voto a noi calabresi!».

Inutile il tentativo dei commessi di calmare gli animi, così come quello di spostare i lavori della Giunta nella sala della commissione Agricoltura. I 5 Stelle stanno continuando nella loro protesta e a loro si è aggiunto anche il leader Giuseppe Conte. «Se Pittalis vuole rispettare il voto degli elettori, deve ritirare questo emendamento e chiudiamo questa partita: la annoveriamo tra le brutte cose che questo centrodestra ha provato a fare. Almeno rimarrà un ricordo, ma il problema è che andranno avanti».. Così il capogruppo del M5S alla Camera, Francesco Silvestri. Per il momento i lavori della Giunta restano sospesi.

Articoli correlati