sabato,Maggio 18 2024

Forte: «I miei sponsor sono Dermaku e Bruccini. Al Cosenza non mancano i numeri»

Il centravanti: «Pensavo di finire al Bari, ma le dinamiche del mercato mi hanno portato qui. Caserta ha buone idee, aiutiamolo tutti»

Forte: «I miei sponsor sono Dermaku e Bruccini. Al Cosenza non mancano i numeri»

Francesco Forte ha esordito sabato pomeriggio con la maglia rossoblù del Cosenza al Marulla. Ne è uscito fuori un 2-2 contro il Sudtirol, che ad un certo punto pregustava anche il blitz. Un pareggio che ha salvato i Lupi da una sconfitta, ma che ha lasciato l’amaro in bocca al netto del vantaggio maturato nel primo tempo.

«Per me è importante aver interrotto una serie di sconfitte – spiega l’attaccante -. Ora a Palermo ci aspetta un’altra gara decisamente impegnativa e certamente molto tirata. Una sfida da affrontare con umiltà e con l’atteggiamento giusto. I numeri a questo Cosenza di certo non mancano».

Cosenza, Forte e l’ultimo giorno di calciomercato

«La nostra è una squadra che possiede grandi potenzialità e sono convinto che con la cultura del lavoro quotidiano crescerà partita dopo partita – spiega ancora l’attaccante di Roma -. Alcuni giocatori come il sottoscritto devono ancora raggiungere la migliore condizione. Sono arrivato in punta di piedi da un paio di settimane, e solo ora comincio ad avere la conoscenza del gruppo».

Francesco Forte racconta poi un retroscena di calciomercato, raccontato da Cosenza Channel l’ultimo giorno della sessione a Milano. «Onestamente pensavo di finire al Bari, ma le dinamiche del mercato hanno fatto sì che il Cosenza chiudesse prima la trattativa. Contento della piazza e della tifoseria – aggiunge in una lunga intervista al Corriere dello Sport -. I miei amici Bruccini e Dermaku me ne hanno parlato in termini assolutamente lusinghieri. In rosa ho ritrovato Canotto e Calò con i quali abbiamo condiviso l’esperienza nella Juve Stabia».

Il tandem con Tutino

Forte è considerato uno dei migliori centravanti della categoria e il Cosenza è riuscito a strapparlo alle concorrenti. «Una squadra nuova deve avere il tempo di amalgamarsi – continua -. Mister Caserta lo conosco bene. E’ un allenatore con delle buone idee, ma è giovane e va aiutato. Occorre creare un ambiente sereno e restare tranquilli nei momenti di difficoltà, senza farsi condizionare da nessuno in alcun modo».

Chiusura dedicata al suo affiatamento con Gennaro Tutino «E’ un giocatore che non conoscevo se non da avversario. Possiamo coesistere – conclude Forte – e penso che il reparto avanzato del Cosenza sia molto importante. Con gli allenamenti e con il lavoro ci toglieremo certamente delle belle soddisfazioni».

Articoli correlati