domenica,Maggio 19 2024

Cosenza, decollo in alta classifica. Forte e Marras stendono il Lecco (3-0)

Il centravanti realizza una spettacolare doppietta con due tiri dalla distanza. Marras, prodezza in girata

Cosenza, decollo in alta classifica. Forte e Marras stendono il Lecco (3-0)

La differenza di valori vista in campo è stata enorme, il Lecco non ha mai impensierito realmente il Cosenza e la vittoria dei rossoblù è arrivata sul velluto. Se il punteggio fosse stato più rotondo nessuno avrebbe potuto obiettare nulla. La compagine di casa ha mostrato i muscoli ed è scesa in campo concentrata così come il proprio allenatore aveva chiesto in conferenza stampa. Tutino e compagni hanno surclassato gli avversari sotto il profilo dell’intensità, della corsa e della cattiveria.

Protagonista assoluto è stato Francesco Forte, autore di una splendida doppietta. Tutti i calciatori, però, hanno regalato una prestazione di spessore e hanno condotto i Lupi nelle parti alte della classifica. La sosta di campionato permetterà adesso non solo di recuperare due titolari come Zuccon e Martino, ma di completare il periodo di rodaggio di Florenzi. Mica uno qualsiasi.

Non c’è partita

Rispetto alla settimana scorsa ritorna il baby Cimino a giostrare da terzino destro, ma soprattutto in attacco ci sono i fab-four: Marras, Tutino e Mazzocchi alle spalle di Forte. Proprio il centravanti si regala la prima gioia con la sua nuova maglia. Calò intercetta un rilancio sbilenco della retroguardia degli ospiti e il bomber, senza pensarci un attimo, si gira e sferra un missile sotto la traversa: dopo 4’ i Lupi sono già avanti.

La differenza di qualità in campo è enorme. Nonostante il vantaggio i padroni di casa continuano a macinare gioco. D’Orazio e Praszelik sfiorano il raddoppio nel giro di un minuto, poi Marras regala una perla che vale il 2-0. Splendidi il doppio passo e l’assist di Tutino, meravigliosa la volè del fantasista che fa secco l’ex Saracco. Prima del rientro negli spogliatoi il parziale sarebbe potuto essere più rotondo, ma gli applausi dei presenti fanno capire che lo spettacolo è stato ugualmente gradito.

La pinna dello “squalo”

Forte è in giornata di grazia ed ha voglia di riposizionarsi adeguatamente nella classifica marcatori. E’ per questo che ad inizio ripresa cala il tris da venti metri. Per bellezza, la prodezza è paragonabile a quella del primo tempo. Dall’altra parte il Lecco si distingue per un diagonale di Guglielmotti che fa la barba al palo (7’), ma è poca cosa. Basti pensare che Tutino e D’Orazio scheggiano la traversa nella stessa azione per dare l’idea di come il Cosenza si diverta. Insomma, di meglio non poteva andare.

Articoli correlati