giovedì,Maggio 23 2024

Incarnato assolto, il Psi di Cosenza: «Dopo 4 anni arriva la verità»

«Il nostro segretario regionale ha avuto ed ha le spalle larghe, ha sopportato, è andato avanti e non si è piegato» si legge in una nota

Incarnato assolto, il Psi di Cosenza: «Dopo 4 anni arriva la verità»

«Siamo sempre stati sicuri della onestà e della linearità dell’azione portata avanti dal nostro segretario regionale Luigi Incarnato che oggi viene solo confermata dal Tribunale di Vibo Valentia». E’ quanto afferma il capogruppo del Psi, in Consiglio Comunale, Raffaele Fuorivia anche a nome degli altri membri, Andrea Golluscio e Antonello Costanzo, esprimendo viva soddisfazione per l’assoluzione del dirigente nazionale e regionale del partito socialista.

Leggi anche ⬇️

«La sentenza odierna ci riempie di gioia – proseguono i socialisti a Palazzo dei Bruzi – e conferma, ancora una volta e qualora ce ne fosse bisogno, la validità dell’operato di Luigi Incarnato, sempre improntato sulla trasparenza e la serietà. E’ una sentenza che, seppur arrivata dopo 4 lunghi anni di battaglia legale e di sofferenza personale e familiare, per noi socialisti, profondamente e concretamente garantisti dimostra che la presunzione di innocenza è e resta un baluardo della vita democratica e civile del nostro Paese che bisogna difendere e tutelare. Ciò è tanto più vero  se si pensa alla macchina del fango che si è scatenata su Luigi Incarnato in questi 4 interminabili anni, subita anche dalla famiglia. Ed è questo che fa più male. Ma il nostro segretario regionale ha avuto ed ha le spalle larghe, ha sopportato, è andato avanti e non si è piegato».

Leggi anche ⬇️

«Ora – concludono Fuorivia, Golluscio e Costanzo –  con il nostro sindaco, Franz Caruso, che ha difeso la posizione di Luigi Incarnato con il piglio del grande penalista che è, si può rilanciare con la forza e la determinazione di sempre un’azione di sviluppo e di crescita per la città, per la Calabria ed il Paese che non potrà mai prescindere dai valori ideologici che, come socialisti, esprimiamo».

Articoli correlati