martedì,Marzo 5 2024

Cosenza, che disfatta al “Marulla”: passa la Ternana. Caserta in discussione?

I Lupi partono bene, creando diverse occasioni pericolose. Tutino prende il palo. Nella ripresa cambia tutto: le "Fere" segnano tre gol, vale a poco il rigore realizzato dal numero nove

Cosenza, che disfatta al “Marulla”: passa la Ternana. Caserta in discussione?

Ci si attendeva una risposta forte e determinata da parte del Cosenza dopo la debacle nel derby contro il Catanzaro, ma le scorie del “Ceravolo” evidentemente non sono state smaltite. I Lupi di Fabio Caserta, che ora potrebbe essere messo in discussione dal presidente Eugenio Guarascio, perdono ancora. Questa volta al “Marulla” passa la Ternana di Breda, un allenatore che bada al sodo, sfruttando le caratteristiche dei suoi giocatori. Il Cosenza invece si lecca le ferite. I tifosi a fine partita hanno fischiato la squadra, battuta pesantemente dalle “Fere” per tre reti a uno.

Cosenza-Ternana, così in campo

Caserta, dopo la brutta sconfitta nel derby contro il Catanzaro, mischia le carte e propone un undici inedito con Cimino e Sgarbi titolair in difesa, e Martino dirottato sulla fascia sinistra. Confermato il duo mediano del “Ceravolo“, mentre sulla trequarti si rivedono dal primo minuto sia Florenzi che Canotto. Ternana rimaneggiata con tante assenze. Breda si affida al tandem offensivo RaimondoDistefano, supportati dal talentuoso Falletti.

Cosenza-Ternana: il primo tempo

Arrembante l’inizio di match del Cosenza che prova in tutti i modi a sbloccare il risultato con un Canotto in giornata positiva. L’esterno di Corigliano Rossano punta sempre Celli, lo salta ma non trova nessun compagno che in area sia capace di raccogliere la sua mole di lavoro. La Ternana in questa fase pensa soltanto al contropiede, cercando di chiudere i varchi a Tutino e Mazzocchi. Proprio al 18′, l’ex Palermo, Parma, Salernitana e Verona, ha una grande chance per segnare, ma il suo tiro da posizione defilata finisce sul palo. L’ennesimo della stagione a cui va aggiunta un’altra parata del portiere della Ternana sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Altro sussulto intorno al 35′ quando Forte, subentrato all’infortunato Canotto, impegna Iannarilli. Si scoprirà qualche istante dopo che l’arbitro aveva fermato il gioco.

Cosenza-Ternana: il secondo tempo

La partita tra le due squadre si infiamma nel secondo tempo. Casasola al 3′ si fa trovare pronto in area di rigore, esplodendo in porta un destro micidiale che non lascia scampo a Micai. La risposta del Cosenza è nella bordata da fuori area di Mazzocchi. Siamo al 9′: Iannarilli non blocca, si avventa Florenzi, spinto da un difensore della Ternana e per l’arbitro è rigore. Dal dischetto Tutino fa 1-1. Il Cosenza a questo punto ci crede ma la Ternana gioca un altro scherzo. Al 15′ Raimondo ruba la palla a Meroni, si invola verso la porta del Cosenza e fa 2-1. Ma non è finita qui. L’attaccante scuola Bologna realizza anche il terzo gol al 22′ st, depositando in porta un cross di Diakite. La situazione precipita intorno alla mezzora quando Calò viene espulso per aver mandato a quel paese il direttore di gara. I minuti finali servono a poco, perché il risultato non cambia.

Articoli correlati