venerdì,Febbraio 23 2024

Casali del Manco, parola d’ordine: differenziare per differenziarsi

I volontari del servizio civile universale sensibilizzano gli alunni dell'Istituto comprensivo a una corretta gestione dei rifiuti

Casali del Manco, parola d’ordine: differenziare per differenziarsi

I volontari del Servizio civile universale della Pro loco di Casali del Manco e Villaggi Silani hanno coinvolto gli alunni dell’Istituto comprensivo Casali del Manco 2 nel progetto “Differenziamo per Differenziarci”. Il progetto ha lo scopo di far crescere in modo significativo la conoscenza e la sensibilizzazione degli studenti nei confronti della corretta gestione dei rifiuti ed in particolare della raccolta differenziata.

Le attività, che hanno visto la partecipazione di tutti gli studenti e di tutto il personale della scuola, sono state orientate a promuovere esperienze di sensibilizzazione alla tutela del Pianeta e comportamenti civili come l’organizzazione della raccolta differenziata ed il riciclo dei materiali differenziabili. Grande partecipazione si è registrata per gli alunni dell’infanzia e della primaria, i bambini hanno preso parte ai giochi didattici organizzati per riutilizzare oggetti destinati ad essere buttati come scatole di scarpe, giornali o rotoli di carta.

Lo scopo dell’iniziativa è stato, oltre che pratico, anche educativo: infatti, solo attraverso la separazione corretta dei rifiuti, la discussione partecipata e le attività laboratoriali singole o in gruppi, partendo dalle conoscenze pregresse sul tema, gli alunni hanno acquisiti buone pratiche e alla scoperta del mondo dei rifiuti e delle tre R che lo regolano. La regola delle tre R è ridurre, riciclare e riusare. 

Con il termine ridurre, si intende la diminuzione del consumo di energia e di beni, come chiudere i rubinetti quando non si usano; riciclare consiste nel separare i rifiuti con l’idea che possano essere sottoposti a un processo di trasformazione o recupero; riusare è utilizzare ancora un bene che non è diventato un rifiuto.

Gli alunni di Morelli, di Spezzano Piccolo e di Trenta si sono cimentati nel gioco “dove lo butto” e hanno dimostrato di essere già molto attenti e rispettosi rispetto ai rifiuti da riciclare, conoscendo esattamente le regole del corretto modo di differenziare. Infine, col materiale da riciclare, sono stati realizzati addobbi e decorazioni natalizi, con la collaborazione del personale scolastico e dei docenti.