martedì,Marzo 5 2024

Cetraro sorride, la bambina affetta da epilessia avrà assistenza all’asilo

Soffre di una malattia rara, sarà seguita da un infermiere. Nonostante le tante richieste di aiuto della madre, Comune e Asp di Cosenza non erano ancora riusciti a dare risposte

Featured Video Play Icon

Alla piccola Gioia (nome di fantasia) sono stati finalmente riconosciuti i suoi diritti alla salute e a vivere la sua infanzia in tutta sicurezza. La bimba, affetta da una malattia rara e da una grave forma di epilessia, d’ora in poi sarà costantemente assistita da un infermiere professionale per tutto il tempo della sua permanenza all’asilo, che solitamente, a causa delle gravi patologie, si aggira intorno alle due o tre ore a settimana. Il risultato arriva dopo giorni di battaglie civili e politiche sollevate dal clamore mediatico generato dalla vicenda.  

«È arrivata la soluzione – ha detto ieri mattina il sindaco di CetraroErmanno Cennamo, ai nostri microfoni -. La mamma della bambina oggi sarà contattata per capire come organizzare questo servizio». Era stata proprio la mamma della piccola a denunciare il caso, qualche giorno fa, attraverso le colonne del nostro giornale, dopo le richieste di aiuto alle istituzioni cadute nel vuoto per mesi. 

Leggi anche ⬇️

Un calvario lungo quasi un anno

Il calvario di questa donna e della sua bimba, di soli cinque anni, è cominciato nel febbraio di quasi un anno fa, quando quest’ultima è stata colta da una grave crisi epilettica proprio mentre si trovava all’asilo. Nonostante l’enorme spavento, tutto è finto per il meglio, ma negli istanti successivi la donna ha capito che la vita di sua figlia non può rimanere in balìa del destino. Così, ha cominciato a chiedere assistenza infermieristica, rivolgendosi prima di tutto al Comune, destinatario di decine di migliaia di euro di fondi da utilizzare per fronteggiare la disabilità.

CONTINUA A LEGGERE SU LACNEWS24.IT

Articoli correlati