domenica,Marzo 3 2024

Orrico (M5S): «La Civica di Cosenza rimane chiusa e il ministro Sangiuliano non risponde»

La parlamentare: «Questa è una battaglia culturale che non ha colore politico. Mi auguro che le istituzioni facciano la loro parte»

Orrico (M5S): «La Civica di Cosenza rimane chiusa e il ministro Sangiuliano non risponde»

«La Biblioteca Civica di Cosenza continua a rimanere chiusa ed il Ministro della Cultura Sangiuliano, chiamato in causa, continua a non intervenire per aiutare una delle più importanti istituzioni culturali calabresi a risollevarsi». Lo afferma la deputata del Movimento 5 stelle Anna Laura Orrico.

«Sono trascorsi ormai tre mesi – dice Orrico – dall’interrogazione da me depositata per riaccendere le luci sulla vicenda della Civica ma non ho ancora ricevuto nessuna risposta. Come inascoltate sono state le istanze del presidente dell’Accademia cosentina D’Elia, che è pure presidente del CdA della Biblioteca, e che si era rivolto al Ministro della Cultura senza, anche lui, avere delucidazioni.

Leggi anche ⬇️

L’antico istituto culturale – continua la coordinatrice calabrese del M5S -, chiuso al pubblico, rimasto con un solo impiegato con funzione di ausiliario, ha maturato debiti sia verso lo Stato, Demanio e Agenzia delle entrate, che verso i privati (dipendenti e fornitori). Gli interventi portati avanti da me avanti quando ero sottosegretario ai Beni culturali, come i 5 milioni di euro derivanti dal Cis Cosenza per il complesso di Santa Chiara che ospita la Biblioteca o gli oltre 50 mila euro per il restauro dei Corali membranacei, hanno dato un sostegno alla Civica ma ora è il momento di proseguire con la vicinanza delle istituzioni.

Ecco perché, per uscire fuori dall’angolo, il professor D’Elia chiedeva che la Civica potesse passare al Ministero con due vincoli: rimanere nella sede storica e vedere azzerati i debiti verso lo Stato.

Mi auguro che – conclude Anna Laura Orrico – tutti i rappresentanti istituzionali del territorio, al di là di ogni colore politico, soprattutto quanti sono al governo del Paese e della Regione, prendano a cuore le sorti della Biblioteca Civica sostenendone la riapertura non solo attraverso i buoni propositi ma con risposte concrete alla chiusura di un presidio di storia, cultura e identità non solo cosentina ma meridionale». 

Articoli correlati