martedì,Marzo 5 2024

Cosenza, Caruso contro l’autonomia differenziata «delle 20 repubblichette»

Il sindaco spiega perché sarà presente anche lui alla manifestazione davanti alla prefettura in difesa dell'unità d'Italia

Cosenza, Caruso contro l’autonomia differenziata «delle 20 repubblichette»

«Sarò presente domani, davanti alla prefettura di Cosenza, al sit-in di mobilitazione dei sindaci contro l’autonomia differenziata, a difesa dell’unità nazionale e dei nostri territori». E’ quanto afferma il sindaco Franz Caruso, che prosegue: «Una protesta la mia, non dell’ultima ora, ma portata avanti sin dagli esordi dello sciagurato disegno del DDL Calderoli che mi ha visto presente a Napoli il 17 marzo del 2023, insieme a tanti colleghi Sindaci, così come ho partecipato con convinzione, insieme  a Monsignor Giovanni Checchinato, arcivescovo di Cosenza Bisignano, alla manifestazione organizzata da Cgil, Cisl e Uil  il 10 Giugno 2023. Una battaglia, la mia, convinta e determinata, che è stata pienamente compresa dai cittadini tanto che a Cosenza sono state raccolte ben 4652 firme contro l’autonomia differenziata, rendendo la nostra città prima in Calabria e terza nel Mezzogiorno dopo Napoli e Bari«.

«Con il nostro arcivescovo Checchinato  – incalza Franz Caruso – sono convinto che “Il Governo, così come la Chiesa, devono lavorare per azzerare le diseguaglianze sociali”. Ecco perché non smetterò mai di lottare per l’uguaglianza di tutti gli individui e il superamento dei divari, contro una riforma, dunque, che va invece nella direzione opposta, rischiando di dividere l’Italia in 20 Repubblichette. Un disegno progettato e condotto a danno dei territori delle regioni del Sud e delle nostre comunità. In questo senso, pertanto, la mobilitazione, per quanto mi riguarda, continua, non incomincia domani,  e sarà sempre più serrata».

Per sabato prossimo, 17 febbraio, infatti, nella Sala Quintieri del Teatro Rendano, il Comune di Cosenza ha promosso un incontro pubblico sul tema “No all’autonomia differenziata. Si all’Italia Unita dei Comuni”. A concludere i lavori sarà il presidente di Anci nazionale, nonché sindaco di Bari on. Antonio De Caro. All’iniziativa interverranno S.E. Monsignor Giovanni Checchinato, arcivescovo della diocesi Cosenza-Bisignano, il Presidente di Svimez Italia, prof. Adriano Giannola e Nicola Irto, unico senatore calabrese a votare contro il disegno di legge governativo.