lunedì,Aprile 15 2024

Paola, i biancazzurri del tirreno sono fuori dalla zona play-out e vantano un ottimo settore giovanile

Il presidente Luigi Marcone e il responsabile del vivaio, Cesco Sbano, hanno interrotto il silenzio stampa per commentare la risalita della Paolana nella classifica d’Eccellenza, un percorso che ad oggi pone gli alfieri del tirreno cosentino in una posizione che garantirebbe la salvezza diretta

Paola, i biancazzurri del tirreno sono fuori dalla zona play-out e vantano un ottimo settore giovanile

Nello stadio Eugenio Tarsitano di Paola, l’atmosfera è notevolmente cambiata rispetto al passato. Qui, i giocatori della rappresentativa della città del Santo continuano la loro preparazione per il prossimo impegno che li vedrà confrontarsi con i rivali di Gioiosa Jonica dopo la pausa.

Risalendo dalla parte inferiore della classifica, la Paolana ora si trova solidamente nella zona che assicura la salvezza diretta, un vero miracolo se si pensa che solo un mese fa l’ambiente era pervaso dalla frustrazione.

Il presidente biancazzurro, Luigi Marcone, consapevole delle proprie risorse e sempre ottimista riguardo a un futuro migliore, ha deciso di interrompere il silenzio stampa della squadra, recandosi direttamente sul campo per elogiare coloro che hanno reso possibile questa risalita, su cui pochi credevano veramente.

«Desidero esprimere il mio più sentito apprezzamento a tutto lo staff», ha dichiarato il presidente. «Con dedizione, non hanno mai smesso di credere in una conclusione positiva della stagione. Sono felice di vedere che la speranza in cui pochi credevano si stia realizzando. Continuando su questa strada, potremmo raggiungere la salvezza diretta senza dover passare dai play-out».

Marcone ha anche espresso fiducia nella motivazione dei giocatori, attribuendola alla convinzione che li ha guidati sin dall’inizio della stagione. Ha sottolineato l’importanza di evitare i play-out come stimolo per investire anche nel settore giovanile, che è stato elogiato come fonte di talenti.

Cesco Sbano, artefice di questa rivoluzione nel progetto del tirreno biancoazzurro, ha espresso ottimismo riguardo al futuro della squadra principale. Ha lodato l’impegno dei giovani talenti del settore giovanile e ha espresso fiducia nel loro potenziale futuro sia sul campo che nella vita.

«Investiamo nella formazione di atleti completi – ha concluso il responsabile del settore giovanile – che siano professionisti non solo sul campo, ma anche al di fuori. Speriamo di far sbocciare al meglio il loro talento, fornendogli una solida base educativa e valorizzando le loro abilità».