martedì,Giugno 18 2024

Tancredi Antoniozzi condannato per aver aggredito due carabinieri

Il figlio del deputato di Fratelli d'Italia e un suo amico coetaneo sono stai puniti a otto mesi di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni

Tancredi Antoniozzi condannato per aver aggredito due carabinieri

Prima le minacce con il classico «lei non sa chi sono io», poi l’aggressione a due carabinieri colpevoli di averlo fermato mentre sfrecciava nel cuore di Roma a bordo del suo potente Range Rover. Alla fine Tancredi Antoniozzi, 21 anni, figlio del deputato cosentino di FdI Alfredo e un suo amico coetaneo sono stati condannati a otto mesi di reclusione per resistenza e lesioni a due carabinieri.

La vicenda risale al 18 aprile scorso, quando in via Vittorio Emanuele il 21enne è stato fermato dai carabinieri perché guidava «a velocità sostenuta e con manovre pericolose per la pubblica incolumità – scrivono nel verbale i militari secondo quanto riporta Repubblica – in particolare delle persone presenti».

Secondo la ricostruzione del giornale, contestata però sia dal ragazzo sia dai genitori, mentre i due ragazzi mostravano i documenti, Tancredi Antoniozzi avrebbe provato a far pesare la parentela importante: «Domani vi troverete senza lavoro – avrebbe detto il 21enne ai carabinieri – vi faccio licenziare, non sapete chi sono io e a chi sono figlio, sono il figlio di Antoniozzi, il parlamentare, vi faccio fare una brutta fine, conosco il Questore di Roma». (Continua a leggere l’articolo di Lacnews24.it)