giovedì,Luglio 18 2024

Narcotraffico nella Sibaritide, catturato il super latitante albanese Ilir Pere

L'uomo continuava a spacciare droga in tutto il mondo fino a quando non è stato smascherato dagli investigatori catanzaresi

Narcotraffico nella Sibaritide, catturato il super latitante albanese Ilir Pere

Il super latitante albanese Ilir Pere, 48 anni, nato a Gramas, in Albania, si spacciava per il greco Nikolòas Liarakos. Con questa falsa identità, trattava droga e vendeva armi in tutto il mondo. Gli investigatori italiani lo hanno catturato in Belgio, grazie a un’operazione congiunta con la polizia fiamminga. Ora è detenuto a Liegi. I magistrati antimafia catanzaresi lo hanno interrogato in Belgio. Pere deve scontare 28 anni di carcere in Italia ed è indagato nell’inchiesta “Gentleman II” sul narcotraffico tra la Sibaritide e la Germania.

Durante l’interrogatorio, Pere ha ammesso la sua vera identità e l’uso di criptotelefoni, ma ha negato un ruolo significativo nel narcotraffico. Ha confessato di aver acquistato armi per vendicare il fratello ucciso e bruciato da altri albanesi. Ha inoltre spiegato che i criptotelefoni si potevano comprare da fornitori turchi e pakistani, ma solo se raccomandati. Ilir Pere ha raccontato di essere evaso dal carcere di Rebibbia il 27 ottobre 2016, insieme a due amici albanesi, e di aver vissuto nascosto in Germania, Albania e Belgio per sette anni, con l’obiettivo di fare soldi e restare libero.

Pere ha ammesso di aver avuto rapporti con il cassanese Claudio Cardamone, ma ha minimizzato il ruolo dell’amico. Ha confessato l’acquisto di un chilo di cocaina e il possesso di 150 mila euro in casa, ma non ricorda i nomi dei contatti e di aver fatto affari con esponenti della ‘ndrangheta. I magistrati italiani hanno chiesto l’estradizione di Pere. 

Articoli correlati