Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Palazzolo: le pagelle

Cosenza-Palazzolo: le pagelle

Difesa mostruosa per il Cosenza. Longobardi è in forma strepitosa. Arcidiacono, Romano e Marano creano scompiglio fra le maglie del Palazzolo. Prova maiuscola dell’undici di Napoli.

sottolacurva1

I Lupi raccolgono l’applauso della curva dopo un’ottima prestazione.

Franza 6,5: Gli ospiti girano alla larga e ci provano da lontano. Lui ci mette sempre i guantoni. In netta e costante crescita.
Ciano 6,5: Tanta sostanza. Duttile e roccioso. Anche sulla corsia laterale conferma tutte le doti che lo rendono insostituibile.
Scigliano 6,5: In settimana ha lavorato duro per recuperare. Ci è riuscito, ha stretto i denti e fornito l’ennesima prestazione convincente. E’ una delle sorprese di questo Cosenza. Dal 55′ Rapisarda 6: Affidabile e puntuale. Entra subito in partita. Difende bene e spinge senza scoprirsi.
Parisi 7: Abbiamo finito gli aggettivi per sottolineare la sua importanza. Comanda con autorità e grinta un reparto che è il migliore della categoria e fa sentire il peso della fascia che porta sul braccio. In campo e fuori.
Varriale 7: Insuperabile in fase di copertura e imprendibile quando sfonda sulla corsia di competenza. Fornisce un prezioso assist trasformato in rete da Longobardi.
Salvino 6,5: L’impressione è che il giovanotto classe 1993 abbia le carte in regole per sfondare. Corre e ruba tanti palloni. Il mister gli ha chiesto di fare da schermo e di raddoppiare la marcatura quando gli attaccanti ospiti sfidano i difensori rossoblù. Lui esegue alla lettera.
Provenzano 6,5: Il gol è la ciliegina sulla prestazione di un ragazzo che ha qualità da vendere. Ci prova in avvio di gara e ci riesce firmando una rete preziosa ai fini del risultato.
Marano 6,5: Pericolo costante. In più occasioni cerca la via del gol ma è leggermente impreciso. Dà imprevedibilità al reparto e non spreca un pallone. Dal 63′ Mosciaro 6: Non è al top ma entra in campo e non si risparmia. Lotta, crea spazi, gioca di sponda e ci prova con una conclusione velenosa quanto sfortunata.
Arcidiacono 7: Corre fino al 95′ con una facilità impressionante. Con le sue finte fa ammattire gli avversari che sono costretti quasi sempre a ricorrere alle maniere dure. Gli manca il gol ma anche senza andare a bersaglio lascia sempre il segno.
Romano 7: Il professore mette subito le cose in chiaro. Gioca una quantità industriale di palloni. Nelle prime due reti l’azione gol nasce sempre dai suoi piedi. Questa squadra non può fare a meno della sua qualità. Dal 73′ Biondo 6: Sempre molto utile. Agonismo e corsa al servizio della squadra.
Longobardi 7,5: Il centravanti silano non vuole più fermarsi. Anticipa tutti da vero rapace nell’azione del primo gol e firma la doppietta fra tre uomini mettendo a sedere la difesa avversaria. Non solo le reti ma anche tanto lavoro oscuro.
Napoli 6,5: Prepara bene la gara. In settimana cura i meccanismi in difesa per limitare Bonarrigo e ci riesce. Ha studiato minuziosamente i movimenti degli avversari e il Cosenza fa sua la partita. La sua striscia di imbattibilità continua. (Francesco Palermo)

Related posts