martedì,Settembre 27 2022

Goretti: «Cosenza incompleto fino a Brescia. Budget in linea con gli ultimi»

Roberto Goretti si è presentato in conferenza stampa senza Eugenio Guarascio. Il presidente del Cosenza, appena riammesso nella Serie B più ricca del recente passato, ha scelto di non sedere al suo fianco. Il massimo operatore di mercato era in compagnia del responsabile dell’ufficio stampa. Niente foto di rito, pertanto, niente strette di mano. Le domande per il

Goretti: «Cosenza incompleto fino a Brescia. Budget in linea con gli ultimi»

Roberto Goretti si è presentato in conferenza stampa senza Eugenio Guarascio. Il presidente del Cosenza, appena riammesso nella Serie B più ricca del recente passato, ha scelto di non sedere al suo fianco. Il massimo operatore di mercato era in compagnia del responsabile dell’ufficio stampa. Niente foto di rito, pertanto, niente strette di mano. Le domande per il patron sarebbero state tante, ma ci sarà modo di porle tutte una dietro l’altra. Allora i riflettori sono stati puntati sul massimo operatore mercato dei Lupi che ritrova la cadetteria dopo un anno di stop. I giornalisti, invece, ritrovano la sala stampa dopo un anno e mezzo.

Goretti: «Gerbo e Bittante out per le prime di B»

Goretti, finiti i ringraziamenti di rito estesi alla società, al sindaco e ai tifosi, analizza il momento che per il Cosenza è totalmente di ripartenza. «Ci si pone davanti una grande sfida, molto difficile e stimolante – spiega -. Sono qui proprio per questo motivo. Siamo consapevoli dell’ultima stagione, anche io sono retrocesso in passato e so che ci sono stati degli errori che possono capitare a tutti. L’ambiente spero giudichi in maniera neutra e non per partito preso. Qui c’è una tifoseria molto calda che può farci fare il salto di qualità. Siamo in molto in ritardo, Gerbo e Bittante saranno out per le prime di campionato. A Firenze arriveremo molto incompleti, così come ad Ascoli e Brescia. Le possibilità che vengano rinviate sono davvero molto basse, ma nessun alibi. Ogni responsabilità tecnica sarà mia, dovremo fare davvero tanto e poi».

Mercato e budget

«Per la fine di questa settimana avremo l’allenatore e partiremo sul campo – aggiunge Goretti -. Il lavoro fatto in queste due settimane era molto limitato, perché tutti volevano avere certezza della Serie B. Il budget è in linea con quello degli ultimi anni, ma è relativo. Siamo all’interno di una situazione economica difficile e dovremo salvarci con le nostre forze». Il nuovo direttore sportivo poi svela un aneddoto. «Guarascio voleva farmi tre anni di contratto, ho scelto io di fare un anno. Mi piace lavorare sui dodici mesi, è una garanzia del lavoro e una garanzia su chi poi sarà il motore dell’area sportiva. Non mi piace vedere presidenti che non mandano via ds a causa della durata dell’accordo».

Il giusto mix e l’allenatore

«Sarà una squadra giovane, con cui mi piace lavorare come testimonia la mia storia a Perugia – dice ancora Goretti -. All’interno di una rosa servono delle guide, pertanto servono anche due/tre calciatori di carisma e di esperienza. Seguo l’esempio del Milan che ha iniziato un grandissimo progetto. Due elementi come Kjaer e Ibrahimovic e tanti ragazzi. I calciatori degli anni ’80 saranno presi con la giusta parsimonia». Su Zaffaroni, che non nomina mai, spiega: «Qualche giorno e arriverà il nuovo tecnico. La difesa a tre credo che sia il modulo con cui Cosenza ha fatto le cose migliori di recente. E’ un mio pallino inoltre. Occhiuzzi? Ho espresso la mia opinione, dicendo che ha mostrato una buona identità per larghi tratti. Guarascio ha preteso però un nuovo ciclo e discontinuità anche sul parco dei vecchi calciatori il cui contratto è scaduto».