lunedì,Maggio 20 2024

Va in pensione il medico comunista. Intervista a Valerio Formisani | VIDEO

Il medico degli ultimi («anche se non mi piace questa definizione») è uno dei personaggi più conosciuti della città. Le sue sono parole confidenziali, che fotografano ancora la voglia di impegnarsi nel sociale

Featured Video Play Icon

Valerio Formisani è andato in pensione dopo 38 anni di lavoro. E’ una delle figure più conosciute di Cosenza, trasversale dal campo sanitario a quello antagonista, e non solo per il suo centralissimo studio di medicina generale. A caratterizzare la sua attività è stata la continua apertura verso gli ultimi. «Ma “ultimi” non è un termine che mi piace – dice dagli studi di Cosenza Channel -. Mi sa di dispregiativo e io sono stato il medico di tutti».

Nell’intervista video che proponiamo in apertura di articolo, Valerio Formisani tocca tutti i campi a lui cari: parte da quello della sanità pubblica («sempre più penalizzata in favore della privata come testimonia l’arrivo dei medici cubani») e tocca l’argomento migranti «che non denuncio, ma curo».

Non ha problemi a definirsi ancora comunista, racconta quando incontrò il sindaco di Cosenza Franz Caruso e il responsabile degli enti locali del Pd Francesco Boccia in una riunione definita «vuota» e non nasconde la delusioni per non essere stato eletto con “Cosenza in Comune” all’ultime ultime amministrative. Insomma, il profilo di un uomo che ha dedicato la sua vita ad aiutare il prossimo. A prescindere se fosse o meno suo paziente.

Articoli correlati