giovedì,Luglio 18 2024

Fratelli d’Italia Cosenza, Brutto presidente provinciale. I 20 nomi del coordinamento

Ieri il congresso unitario che ha riconfermato al timone del partito il commissario uscente. Per le Provinciali FdI candiderà Giancarlo Lamensa e il sindaco di Aieta Pasquale De Franco

Fratelli d’Italia Cosenza, Brutto presidente provinciale. I 20 nomi del coordinamento

Angelo Brutto è stato eletto presidente di Fratelli d’Italia in provincia di Cosenza a margine di un congresso unitario tenuto ieri nei centri più rappresentativi della vasta area bruzia. Gli stati generali si sono però riuniti a Rende dove il parlamentare Luca Sbardella ha diretto i lavori insieme alla sottosegretaria al Ministero dell’Interno Wanda Ferro, al senatore Fausto Orsomarso, all’onorevole Alfredo Antoniozzi e al segretario cittadino Sergio Strazzulli. Per Angelo Brutto si tratta di una riconferma, considerando che negli ultimi 18 mesi aveva ricoperto il ruolo di commissario.

Partecipato da tutti i presenti il ricordo di uno dei simboli della destra bruzia, il compianto Gabriele Limido scomparso poco tempo fa. Un forte applauso è stato condiviso da tutta la sala dell’Hotel San Francesco di Rende, quartier generale scelto dagli eredi della “fiamma” nelle recenti convention pubbliche. Al tavolo presidenziale anche l’assessore regionale Filippo Pietropaolo, le consigliere regionali Sabrina Mannarino Luciana De Francesco e Nicola Caruso (Esecutivo Nazionale di Gioventù Nazionale)

Brutto: «Fratelli d’Italia protagonista»

«Gli iscritti hanno valutato che il lavoro svolto negli ultimi due anni è stato fatto nell’interesse collettivo. L’unità sulla mia proposta di candidatura – dice Brutto ai nostri microfoni – dimostra che in provincia di Cosenza c’è un partito forte, coeso e pronto alle sfide future che saranno le Europee e le Amministrative. Saremo in campo con uomini e donne seri e autorevoli capaci di guidare le nostre comunità».

Il nuovo presidente provinciale di Fratelli d’Italia non nasconde il peso specifico dell’incarico confermatogli dai big del suo partito. «Dalla mozione unitaria deriva una grande responsabilità, perché le intenzioni di tutti convergono in un’unica direzione: confermare Fratelli d’Italia come primo partito d’Italia e per farlo diventare radicato sul territorio anche alle nostre latitudini. Noi non abbiamo mai avuto paura di confrontarci con gli elettori, perché l’unico interesse che ci anima è rispettare gli accordi presi con loro. Del resto abbiamo triplicato i circoli e quadruplicato i tesserati».

Orsomarso: «Per Angelo momento di grande maturità»

Particolarmente soddisfatto Fausto Orsomarso che non ha mancato di evidenziare come Fratelli d’Italia sia in costante crescita e come sia stata proprio Giorgia Meloni ad inaugurare la stagione dei congressi lungo tutto lo Stivale. «C’è voglia di partiti – ha spiegato -. Abbiamo lavorato bene per dare un’alternativa concreta alla sinistra. Per Angelo è un momento di grande maturità: l’ho visto nascere politicamente e aderire ai valori della vita. Lui è la cinghia di trasmissione tra il Governo e la provincia di Cosenza. Oggi sono riunite qui più generazioni, comprese quelle che hanno vissuto percentuali bassissime del partito, ma battendosi sul fronte positivo della politica alla fine i risultati sono arrivati».

Le prime sfide elettorali che attendono Angelo Brutto riguardano le elezioni per il rinnovo del consiglio della Provincia di Cosenza. Pronti ad essere candidati Giancarlo Lamensa di Castrovillari e il sindaco di Aieta Pasquale De Franco. Poi ci saranno le amministrative, in particolare di Corigliano Rossano, Montalto Uffugo e Spezzano Albanese. Nel mentre il sostegno al progetto di fusione tra Cosenza, Rende e Castrolibero. 

«In provincia di Cosenza si voterà in circa 60 comuni. Noi ci posizioneremo in maniera differente: in alcuni centri ci presenteremo con le nostre liste di partito, altrove aggregandoci in liste civiche. Ad ogni modo Fratelli d’Italia ha la classe dirigente adeguata a guidare queste comunità. La città unica Cosenza-Rende-Castrolibero? Noi abbiamo una posizione ancora più avanzata – conclude il neo presidente provinciale – immaginiamo un perimetro ancora più grande così da poter parlare di area metropolitana».

I 20 componenti del coordinamento provinciale di FdI Cosenza

Con il congresso, oltre alla nomina di Angelo Brutto, è stato composto anche il coordinamento provinciale che lo supporterà. I 13 membri eletti sono Daniela Astorino (San Giovanni in Fiore), Giacomo Calabrese (Cosenza), Teresa Cannizzaro (San Giovanni in Fiore), Maurizio Castrovillari (Corigliano-Rossano), Antonino De Lorenzo (Praia a Mare), Davide Esposito (Fagnano Castello), Gioberto Filice (Cervicati), Silvio Incutto (Luzzi), Marta Mannarino (Paola), Salvatore Palumbo (Acri), Onofrio Sommario (Paludi), Eugenio Trombino (Rende) e Mariagrazia Verbicaro (Morano Calabro). A margine dell’evento, il presidente provinciale ha dichiarato che il coordinamento verrà completato nella sua prima riunione, in cui, come previsto dallo statuto, provvederà alla nomina del restante terzo dei componenti: Francesco Sbano (Paola), Pietro Domma (Aprigliano), Eleonora Dimizio (Corigliano-Rossano), Emilio d’Acri (Montalto Uffugo), Vincenzo Spinelli (Belvedere Marittimo), Caterina Bruno (San Lucido) e Salvatore Dima (Corigliano-Rossano).

Articoli correlati