Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rinvenuto arsenale al centro di Rende. In un box armi e munizioni. «Forse usati da uno o più clan»

Rinvenuto arsenale al centro di Rende. In un box armi e munizioni. «Forse usati da uno o più clan»

A Quattomiglia gli agenti della Polizia di Stato hanno sequestrato il tutto, non escludendo che possa appartenere a personaggi legati a qualche cosca locale. Il questore illustra l’operato dei suoi uomini

Nel corso della notte in Quattromiglia di Rende, personale della Polizia di Stato, nell’ambito di mirati servizi di prevenzione e repressione dei reati disposti dal Questore di Cosenza Luigi Liguori, ha rinvenuto e sequestrato un arsenale bellico all’interno di un complesso abitativo. Il box scovato dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Cosenza all’interno del complesso residenziale denominato “ Il Girasole”,   celava al suo interno una vera e propria Santa Barbara con numerosissime armi comuni e da guerra e corposo munizionamento, che non si esclude, possano appartenere a persone vicino a qualche cosca locale. Le armi, sia corte che lunghe, alcune nascoste all’interno di borsoni, altre accuratamente celate all’interno di buste di plastica nonché le numerosissime cartucce di vario calibro e tipo, sono state sequestrate. All’interno del box è intervenuto anche personale della Polizia Scientifica, l’artificiere e personale della Polizia Stradale. «E’ uno dei sequestri più rilevanti mai effettuati in Calabria, per quantità e qualità delle armi» ha detto in conferenza stampa il questore di Cosenza, Luigi Liguori. «Potrebbe essere l’arsenale di una o più cosche, ma non siamo ancora in grado di dirlo con precisione – ha detto Liguori – anche se abbiamo già una pista precisa da seguire. Molte delle armi non sono facilmente reperibili – ha aggiunto Liguori – e il valore sul mercato si aggira, secondo le nostre stime, su almeno centomila euro». E ancora: «Il garage in cui si trovavano non aveva un contratto di affitto, – ha precisato il questore – stiamo indagando a fondo e abbiamo allarmato anche l’antiterrorismo». Sono in corso serrate indagine anche al fine di risalire al reale utilizzatore dello stabile ove è stato trovato l’arsenale bellico di seguito elencato.

  • 01 pistola mitragliatrice MB40 matricola 9353;
  • 01 mitragliatrice mod. AK47 cal. 7,62×39 con matricola abrasa munita di un caricatore vuoto.
  • 01 mitragliatrice STEN NK2 di cui non si è potuto rilevare la matricola, equipaggiata con due caricatori vuoti.-
  • 01 fucile a Pompa ESCORT matricola 148419 privo di caricatore
  • 01 mitragliatrice AK47 con matricola illeggibile equipaggiata con nr. 07 caricatori vuoti.-
  • 01 mitragliatrice calibro 9 marca Luigi Franchi mod. 57 con matricola nr. 350540 con tre caricatori vuoti
  • 01 pistola mitragliatrice con matricola abrasa e della quale non è stato possibile rilevare la marca, con tre caricatori vuoti
  • 01 mitragliatrice con matricola abrasa e della quale non è stato possibile rilevare la marca, con due caricatori vuoti
  • 01 Moschetto Beretta mod. 38A cal. 9 con matricola nr E4867.
  • 01 Moschetto Beretta mod. 38A cal. 9 con matricola nr M5385.
  • 01 fucile mitragliatore marca THOMPSON submachine GUN calibro 45 matricola M514106 con nr. 01 caricatore vuoto.
  • 01 fucile modello 98 con matricola G6647.
  • 01 fucile da caccia Breda con matricola abrasa.
  • 01 mitragliatrice TOMMY GUN calibro 45 con caricatore a disco privo di matricola.
  • 01 pistola Beretta modello FS calibro 9×21 con matricola nr. F09195P con nr. 02 caricatori vuoti
  • Nr 01 pistola Beretta modello F 9×21 con matricola G00464P con un caricatore vuoto ed un puntatore laser
  • Migliaia di cartucce di varie calibro in corso di quantificazione

CLICCA QUI PER LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI COSENZACHANNEL – ATTUALITA’

Related posts