Eccellenza

Morrone, brutto tonfo. Il Gallico Catona gliene segna tre

In terra reggina la Morrone gioca male e subisce un netto 3-1 contro un Gallico Catona voglioso di trovare punti per la salvezza.

Il Gallico Catona batte 3-1 la Morrone e continua a farsi largo tra le
antagoniste per conquistare la salvezza diretta. I granata invece incappano
in una giornata no e tornano a Cosenza con le pive nel sacco. Il punteggio
finale è figlio di una prestazione gagliarda da parte dei rossoblù. Spenti
invece gli ospiti che sono sembrati la copia di loro stessi.

OSPITI COL 4-3-3

Stranges insiste con la linea verde e anche stavolta opta per quattro under in campo. Iniziano dalla panchina Bruno, Leta, Gueye e Azzinnaro, mentre a formare il tridente offensivo ci sono Mazzei, Ferraro e Trombino. Cabina di regia affidata come al solito a Cardamone, mentre davanti a Risoli c’è la coppia De Luca-Bacilieri. Condello opta per un 4-5-1, affidando ad Herrada il compito di aprire varchi e cercare la via della rete.

MORRONE DOPPIA SBERLA

I padroni di casa, affamati di punti salvezza, non ci impiegano molto a rompere l’equilibrio. A margine della consueata fase di studio è Moio a farsi trovare pronto sul secondo palo e battere Risoli con una zampata. Bravo l’esterno reggino a capitalizzare al massimo un traversone dalla trequarti e a prendere di infilata la retroguardia ospite. La reazione della Morrone sta tutta in un tiro di Misuri terminato di poco a lato. Il 2-0 arriva poco dopo. Herrada fa il funambolo e salta tre uomini servendo Sabatino, ben appostato al centro dell’area. L’esecuzione è semplice, l’esultanza la logica conseguenza.

LA MUSICA NON CAMBIA

Stranges lascia negli spogliatoi Bacilieri, D’Acri e Ferraro. Al loro posto entrano Bruno, Leta e Gueye. Ad andare in gol, però, è ancora Sabatino a margine di una ripartenza condotta nel migliore dei modi. Il risultato è legittimato da un palo centrato da Moio su cui Risoli si era fatto trovare attento. Nel finale, poi, il gol della bandiera della Morrone. Lo segna Bruno che ribadisce in rete una punizione di Leta che si era stampata sulla traversa.

IL TABELLINO

GALLICOCATONA (4-5-1): Pratticò; Lombardi (34’ st Sottilotta),
Marciano, Calarco, Garcia Munoz (47’ st Morena); Moio (33’ st Garzia),
Belle, Gioa, Violante, Sabatino (24’ st Heiz); Herrada. A disp.: Pizzimenti,
Ferrato, Petcu, Pata. All.: Condello.
MORRONE (4-3-3): Risoli; Novello (8’ st Azzinnaro), De Luca, Bacilieri
(1’ st Bruno), D’Acri (1’ st Leta); Casella (8’ st Granata), Cardamone,
Misuri; Mazzei, Ferraro (1’ st Gueye), Trombino. A disp.: Bance, Barbieri,
Aiello, Colosimo. All.: Stranges.
ARBITRO: Zangara di Catanzaro.
MARCATORI: 14’ pt Moio (G), 34’ pt Sabatino (G), 6’ st Sabatino (G),
37’ st Bruno (M).
NOTE: Spettatori circa 300 con rappresentanza ospite. Ammoniti: Belle
(G), Casella (M). Angoli: 6-6. Recupero: 1’ pt – 3’ st

Mostra altro

Alessandro Storino

Sono nato a Cetraro nel 1983, dove vivo ancora oggi. Maturità scientifica e studi universitari lasciati a metà in Scienze della Comunicazione. Ho lavorato per anni con le maggiori testate giornalistiche locali (La Provincia, Calabria Ora, Il Quotidiano della Calabria). In passato ho collaborato con Gianluca Di Marzio e diversi siti nazionali che si occupano di calcio. Radiocronista per diletto. Sono terribilmente affascinato dallo storytelling sportivo. Con Cosenza Channel dal 2015. Mi occupo principalmente del calcio dilettantistico della nostra provincia. Nella vita di tutti i giorni sono un impiegato amministrativo. Sposato con Federica e papà di due splendide bambine: Giulia e Sofia.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina