venerdì,Luglio 1 2022

Comune di Cosenza e Unical firmano un protocollo. Priorità al PNRR, poi una facoltà nel centro storico?

Caruso: «Passaggio importante, fondamentale la sinergia tra mondo cittadino e accademico». Leone: «A disposizione le nostre capacità e lenostre progettualità»

Comune di Cosenza e Unical firmano un protocollo. Priorità al PNRR, poi una facoltà nel centro storico?

È stato firmato nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, dal sindaco Franz Caruso e dal Rettore dell’Università della Calabria Nicola Leone, il protocollo d’intesa tra il Comune di Cosenza e l’Unical, per l’istituzione di tavoli tematici e per il supporto nelle competenze tecnico-scientifiche finalizzate alla promozione e alla valorizzazione di buone pratiche volte ad ottimizzare l’utilizzo delle risorse territoriali.

Un sogno: avere delle facoltà dell’Unical nel centro storico di Cosenza. Una certezza: la partnership che consentirà di dar vita ad un confronto aperto, in grado di agevolare e sostenere la partecipazione ai bandi previsti dal PNRR in diversi ambiti. Il primo saranno quelli della promozione delle imprese, del commercio, dell’artigianato, delle attività produttive, dei servizi e delle libere professioni.

L’intesa abbraccerà anche il campo della cooperazione internazionale e delle politiche comunitarie, ma non verranno tralasciati i settori della protezione civile, della mobilità sostenibile e delle infrastrutture. Inoltre, tra le tante cose, Palazzo dei Bruzi chiederà collaborazione per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti, per la gestione e la valorizzazione dei beni culturali (anche attraverso l’utilizzo di sistemi digitali e innovativi), per l’urbanistica e per la promozione turistica.

Protocollo, chi sono i referenti di Unical e Comune di Cosenza

L’Università della Calabria ha individuato quali responsabili dell’attuazione del protocollo d’intesa il professore Giuseppe Guido, delegato del Rettore per il mobility management e per lo sport, ed il professore Raffaele Zinno, delegato del Rettore per l’ambiente. Per conto del Comune, il medesimo incarico è stato attribuito alla consigliera delegata Caterina Savastano e alla presidente della commissione Lavori pubblici Concetta De Paola

Leone: «Intercettare risorse del PNRR»

Così il Rettore Nicola Leone. «L’Unical mette a disposizione le capacità e le progettualità tecnico-scientifiche per dare supporto alle iniziative che Palazzo dei Bruzi ha intenzione di portare avanti – spiega -. Il focus sul PNRR inoltre è molto importante, perché rappresenta un’occasione da cogliere al volo per il rilancio del Mezzogiorno. I tempi sono strettissimi e servono grandi competenze che l’università è pronta ad offrire. Città unica? Noi guardiamo alla città, al territorio e al mondo: è un processo che abbraccia più la politica che l’accademia».

Caruso: «Mondo cittadino e universitario si integrino»

«La città unica è nei fatti, risiede nelle azioni che si consumano per creare efficienza nei servizi proposti alla collettività – gli fa eco il sindaco di Cosenza Franz Caruso –. L’università è quindi un patrimonio regionale con cui dialogare e confrontarsi per dare risposte migliori al territorio». Anche per il primo cittadino è cruciale parlare di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. «Fondamentale è la collaborazione con chi vanta conoscenze e cognizioni tecnico-scientifiche per sfruttare le potenzialità contenute nel PNRR. Per questo, quello di oggi, è un passaggio importantissimo, peraltro già annunciato in campagna elettorale. La firma serve a creare un’integrazione tra il mondo cittadino e universitario: devono incontrarsi, toccarsi, interagire per sviluppare un progetto di crescita comune».