Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fontana: “Servono attenzione e concentrazione per essere competitivi”

Fontana: “Servono attenzione e concentrazione per essere competitivi”

Il tecnico rossoblù precisa: “Quello che esigo dai miei giocatori è che ci sia un atteggiamento di apertura per migliorare e diventare squadra il più in fretta possibile. Perché questo è un gruppo che può dare tanto, credetemi”.

Il Cosenza si lecca le ferite convinto che bisogna dare di più. Questo in breve il concetto espresso in conferenza stampa dal tecnico Fontana. “Abbiamo lavorato in ritiro fissando dei concetti importanti con chi avevamo a disposizione. Chi dice che abbiamo fatto una brutta partita a Monopoli dico…non l’abbiamo giocata e c’è poco da discutere. I temi tattici dovevano essere altri ed i ragazzi lo sanno, ne abbiamo parlato. Probabilmente, inconsciamente, abbiamo sottovalutato la gara. Ma anche ciò che non si fa di buono ci deve insegnare qualcosa. Anche chi è inferiori sulla carta può metterci in difficoltà con agonismo, attenzione e massima concentrazione”. Poi Fontana ammette. “Non dobbiamo essere secondi a nessuno su attenzione e concentrazione. I gol presi? Siamo mancati in tutto. Quello che è stato evidente, al di là di aver preso gol su calcio piazzato, è stata la mancanza di attenzione in determinati momenti. Mi rode prendere cinque gol su sei in due gare su calcio piazzato ed uno per errore di Perina”. Capitolo nuovo arrivi, così Fontana. “Voglio parlare con Dermaku per capire il suo stato fisico e mentale. So quanto vale ma ho bisogno di capire alcune cose. Modulo da cambiare? Non è questione di modulo, io pretendo che ognuno dia il cento per cento. Tutti devono sentirsi pronti ed arruolati per scendere in campo. Ogni settimana possono cambiare certezze, moduli e quant’altro”. Situazione Pinna. “Ha ripreso, è pienamente recuperato”. Capitolo Mungo. “E’ un giocatore duttile con il quale stiamo lavorando. E non solo con lui. Bisogna sfruttare gli spazi e la nostra qualità tecnica. Limitare Mungo o altri è errato. Bisogna saper sfruttare le due fasi per diventare giocatori più funzionali e completi”. Successivamente Fontana guarda al prossimo match. “Affrontiamo una squadra con un allenatore preparato. Noi in settimana abbiamo lavorato su diversi moduli che potrà adottare il nostro avversario. Dovremo farci trovare pronti”. Chiusura con messaggio. “I ragazzi devono scoprirsi, devono essere bramosi di crescere e costruirsi un’opportunità. Come accade nella vita. Quello che esigo dai miei giocatori è che ci sia un atteggiamento di apertura per migliorare e diventare squadra il più in fretta possibile. Perché questo è un gruppo che può dare tanto, credetemi”. (cs.ch.)

Related posts