Tutte 728×90
Tutte 728×90

Italòi, l’olio calabrese spopola al Festival del cinema di Berlino

Italòi, l’olio calabrese spopola al Festival del cinema di Berlino

L’azienda Gallina, che opera nelle bellezze di Corigliano e Rossano, sta prendendo quota con il suo Italòi el bel mondo del cinema internazionale che ne apprezza gusto e stile.

Al Festival internazionale del cinema di Berlino come nel mondo patinato di Cannes e Venezia, Italoi-Villa della Monache sempre sulla breccia insieme al cinema italiano. Il giovane marchio calabrese è ormai una certezza al fianco delle migliori aziende del Made in Italy di successo. Anche oltre confine. Lo spazio italiano nella kermesse berlinese, anche quest’anno è ubicato al primo piano del Marcus Gropius Bau, quartier generale dell’Europa film Market.

In questo prestigioso scenario si può trovare Italoi, prodotto che viene realizzato nelle bellezze di Corigliano e Rossano, in provincia di Cosenza, che sta prendendo quota nel bel mondo del cinema internazionale che ne apprezza gusto e stile. Tutto questo grazie all’ospitalità-vetrina di Luce-Cinecittà, Direzione generale cinema, Ministero dello Sviluppo economico e Ice che sostengono l’Italian Pavilion alla 68esima edizione del Festival tedesco. Agli ospiti della zona italiana, nel cuore della storica manifestazione berlinese, prelibate degustazioni, tra il meglio del sapore di Calabria e l’arte cinematografica italiana.

Una legame sempre più solido e diverse le sinergie avviate che saranno oggetto dei futuri percorsi di marketing territoriale. Agli ospiti della zona Italia, viene offerta la degustazione dell’olio di pregio in una particolare bottigletta da 250 cl, con un indovinato packaging che sta diventando un cult negli ambienti del cinema; anche nella grandeur delle città tedesca, Italoi, è stato infatti assaporato da attori, attrici, registi e operatori che hanno attraversato gli eleganti allestimenti di Luce Cinecittà.

I proprietari di Italoi, dopo Cannes e Venezia, hanno dunque timbrato positivamente la loro presenza alla Berlinale. Un modo laborioso di percorrere-innovando l’intuizione del nonno Antonio Gabriele Gallina: ora gli eredi hanno elaborato un marchio di qualità che ben si sposa con le rarefatte atmosfere del cinema. Dopo il Lido e la Croisette un messaggio positivo per la Calabria al Festival del cinema di Berlino. Italoi guarda con fiducia alle prossime tappe. L’Azienda Gallina, conquistata la Germania con la delicatezza magica dei profumi della Piana di Sibari, studia mosse per far decollare l’ultra millenaria storia della terra calabra.

Related posts