CronacaIn evidenza home

Denunciati altri tre “furbetti” del reddito di cittadinanza

Tre persone sono state denunciate per truffa aggravata per aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza. Ecco la storia.

I carabinieri di Rogliano hanno recentemente concluso un’attività di indagine che li ha portati a denunciare in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Castrovillari tre persone che, appartenenti al medesimo nucleo familiare, erano riuscite ad ottenere il beneficio del reddito di cittadinanza, percependo fraudolentemente dall’I.N.P.S. circa mille euro al mese dallo scorso maggio. I militari dell’Arma di Rogliano, infatti, si sono resi conto che qualcosa non tornasse nella vita di M. S., 34enne di Lungro ma trapiantato da anni a Rogliano, già noto all’Arma per i propri precedenti per reati in materia di sostanze stupefacenti, sin dallo scorso mese di settembre.

Ecco come i carabinieri hanno scoperto i “furbetti” del reddito di cittadinanza

A destare i loro sospetti è stato il fatto che l’uomo, ufficialmente residente nel centro storico del Comune e “ricercato” per alcune notifiche attinenti procedimenti penali già in corso nei suoi confronti presso la Procura della Repubblica di Cosenza, risultasse irreperibile da diverse settimane. Grazie ai propri accertamenti, i carabinieri sono riusciti senza non poche difficoltà a rintracciarlo ad Altomonte dove, senza dire nulla ad amici e parenti, si era trasferito già dal mese di luglio 2019 presso la casa paterna, senza uscirne mai se non per brevissime commissioni.

La circostanza per cui non avesse mai mutato la propria residenza roglianese ha però insinuato nei militari il dubbio che, al di là della propria volontà di sfuggire alle notifiche e rallentare così i procedimenti penali a suo carico, ci fosse qualcosa di più: eseguito il raffronto con la banca dati I.N.P.S., la verità è emersa nel giro di pochi giorni.

Sequestrate le tre carte magnetiche

Sia il 34enne che il padre M. V., 60enne, sono infatti risultati percettori di reddito di cittadinanza. A seguito di ulteriori sopralluoghi effettuati presso la loro abitazione ad Altomonte però, quanto già riscontrato non è risultato sufficiente: i carabinieri hanno infatti scoperto come pure M. M., 33enne di origine romena e compagna di M.V., percepisse il beneficio. Il riscontro documentale effettuato, che nelle dichiarazioni ISEE vedeva i tre risiedere tutti in abitazioni differenti e far parte di altrettanti nuclei familiari, nonché gli elementi visivi raccolti dagli operanti non hanno però lasciato loro scampo e così, pochi giorni fa, i militari dell’Arma di Rogliano, coadiuvati dai loro colleghi delle stazioni di Altomonte e Lungro, hanno bussato alla loro porta alle prime luci dell’alba.

A seguito delle operazioni di sopralluogo e perquisizione, i carabinieri (su disposizione del gip di Castrovillari) hanno sequestrato 3 carte magnetiche rilasciate dagli uffici postali di Rogliano ed Altomonte. I tre sono accusati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubblichee Comunicazione non veritiera dello stato di famiglia. Gli indagati, inoltre, dovranno restituire 9500 euro frodati all’INPS.

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina