Dalla CalabriaIn evidenza home

ESCLUSIVO | Dalla Calabria il nuovo farmaco anti-coronavirus

Il farmaco della speranza si chiama Ruxolitinib. L’ospedale di Cosenza è il primo in Italia ad averlo richiesto alla casa farmaceutica: parte la sperimentazione anti-coronavirus. Ecco da dove nasce l'intuizione dei medici.

Il farmaco della speranza si chiama Ruxolitinib, e l’ospedale di Cosenza è il primo in Italia ad averlo richiesto alla casa farmaceutica produttrice che ha concesso ai medici dell’Annunziata il via libera per l’utilizzo off label (cioè per usi diversi rispetto ai consueti) per utilizzarlo secondo le modalità consentite dalla legge. L’indiscrezione sta circolando da giorni su Facebook tra i medici specialisti.

Si tratta, a differenza del Tocilizumab, di un farmaco che si somministra per via orale, e che potrebbe stroncare sul nascere l’infiammazione che determina il collasso polmonare causato dal Covid-19. 

Al momento sono 3 i pazienti, ricoverati nel reparto di Malattie Infettive di Cosenza, sottoposti alla cura. Gli effetti sono stati rapidi e incoraggianti, anche se la cautela è d’obbligo trattandosi di una sperimentazione ancora su un range limitatissimo di malati.

L’intuizione dei medici calabresi

Il 24 marzo marzo scorso l’idea era stata condivisa su un gruppo fb specialistico, da uno dei medici calabresi pionieri della nuova cura suscitando molto interesse e dibattito. Dopo una serie di confronti tra specialisti ematologi ed infettivologi, supportati dai referenti del Comitato Etico Regionale, è stato il dato il via al nuovo protocollo terapeutico per i pazienti affetti da Covid-19, e il reparto di Malattie Infettive di Cosenza, guidato dal primario Antonio Mastroianni, è diventato capofila di un protocollo sperimentale all’avanguardia su cui adesso si sono accesi i riflettori. Ma come si è arrivati a intuire che il Ruxolitinib poteva essere utile per curare gli effetti devastanti del Coronavirus?

Grazie all’intuito di tre giovani specialisti in Ematologia calabresi (due dirigenti medici ematologi dell’Annunziata di Cosenza, il dottor Francesco Mendicino e il dottor Cirino Botta, insieme al professore associato dell’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro Marco Rossi) si è capito che la capacità che ha questo farmaco di spegnere l’infiammazione in pazienti affetti da mielofibrosi, poteva essere utile anche per i malati di Covid 19. E le prime applicazioni sembra che gli stiano dando ragione. 

Tutto è partito osservando come la reazione autoimmune, scatenata dall’infiammazione conseguente al virus, con conseguente rilascio di una quantità eccessiva di citochine (tra cui l’interleuchina-6) fosse simile a quella che avviene nei malati di mielofibrosi. Il primario di Malattie Infettive e Tropicali dell’ospedale di Cosenza, Antonio Mastroianni, ha deciso con i colleghi ematologi che avevano proposto la sperimentazione, di iniziare con le somministrazioni sui pazienti. 

Tags
Mostra altro

Alessia Principe

Alessia Principe è una giornalista professionista. Nata a Cosenza, si è laureata in Giurisprudenza all’Università degli studi di Messina. Durante gli studi, ha iniziato a lavorare come cronista per il quotidiano Edizione della Sera, occupandosi di cronaca. Subito dopo la laurea è diventata parte della redazione del quotidiano regionale Calabria Ora occupandosi delle pagine di spettacoli e cultura. Con la nomina di Piero Sansonetti come direttore de L’Ora della Calabria, ha ricoperto il ruolo di responsabile del settore Spettacoli e Cultura dell'inserto “Macondo”. Nel 2014, è stata responsabile per la Calabria delle pagine di Cultura del quotidiano Il Garantista. Nel 2016 la sua mostra video-fotografica “Stati Uniti della Sila”, è stata esposta a Palazzo Arnone, prima personale realizzata interamente con smartphone a essere ospitata da una galleria nazionale in Italia. Nel 2018 ha pubblicato “Tre volte”, il suo primo romanzo per i tipi di Bookabook. Scrive di cinema per il blog dell’Huffington Post e racconti per riviste letterarie. Ha partecipato alla stesura della sceneggiatura del documentario “Il sogno di Jacob” ispirato alla vita di Nik Spatari e alla nascita del Musaba.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina