mercoledì,Luglio 24 2024

Fallimento Cosenza Calcio 1914 Spa, dopo 16 anni arrivano i crediti (ma non per tutti)

Volge al termine la procedura fallimentare del Cosenza calcio 1914 Spa. I crediti arrivano dalla Lega di serie B. Ecco chi li prenderà.

Fallimento Cosenza Calcio 1914 Spa, dopo 16 anni arrivano i crediti (ma non per tutti)

Sta volgendo al termine la procedura fallimentare della società Cosenza Calcio 1914 s.p.a., formalmente fallita nel 2005. Qualche giorno fa, il curatore nominato dal tribunale di Cosenza, l’avvocato Ugo Celestino, ha ottemperato all’ordine del giudice delegato al fallimento, predisponendo il progetto di riparto parziale. Gli unici creditori che verranno parzialmente soddisfatti (col riconoscimento di una percentuale vicina al 15% del proprio credito) saranno calciatori, allenatori e membri dello staff regolarmente tesserati, all’epoca dei fatti, alla FIGC. Gli altri creditori invece non vedranno neanche un centesimo, anche perché la società, all’epoca del fallimento, era praticamente priva di attivo. 

Vi chiederete come sia stato possibile recuperare le somme per pagare calciatori, allenatori e staff, per una somma di poco superiore al mezzo milione di euro? Tutto nasce da un contenzioso con la Lega Nazionale Professionisti Serie B in merito ai ricavi dei diritti radio-televisivi, che non vennero corrisposti né alla società in bonis né al fallimento.  

Dopo aver promosso un giudizio dinanzi al tribunale di Milano, in seguito ad un accordo transattivo, la Lega ha pagato parte dei diritti dovuti al Cosenza Calcio 1914, ed il fallimento è ora in grado di corrispondere parte dei crediti ai cosiddetti lavoratori sportivi. Nell’elenco dei creditori spiccano Mark Edusei, Joseph Oshadogan e Gianluigi Lentini, oltre i compianti Pavel Snircek, Emiliano Mondonico e Luigi Marulla.

Articoli correlati