mercoledì,Maggio 18 2022

Caos vaccini e tamponi, il sindaco di Verbicaro invoca l’esercito

Il primo cittadino del comune dell'Alto Tirreno cosentino invia una comunicazione ufficiale al commissario straordinario dell'Asp di Cosenza

Caos vaccini e tamponi, il sindaco di Verbicaro invoca l’esercito

«Caro Commissario, sarebbe necessario potenziare la struttura di personale non solo per i tamponi, anche per le vaccinazioni in tutti i comuni con l’intervento dell’esercito sanitario e del personale». Lo scrive il sindaco di Verbicaro, Francesco Silvestri, al commissario straordinario dell’Asp di Cosenza Vincenzo La Regina, a proposito della lotta alla pandemia, che in questo momento è compromessa dalla grande difficoltà di tracciare i casi, anche in considerazione all’alto numero dei positivi e alla contagiosità del virus. «Sono due anni – continua il primo cittadino – che in qualità di sindaco sto chiedendo questo servizio fondamentale per tutti. Anche perché i tamponi rapidi che non sono di terza generazione come tutti sappiamo non sono affidabili quando l’esito è negativo».

Al lavoro con il virus

Anche il sindaco Silvestri, come tanti suoi concittadini e altre migliaia di calabresi, è stato colpito dal virus in queste settimane, ma grazie alle buone condizioni di salute continua a lavorare anche da casa, dove sta osservando il periodo di isolamento. «Io personalmente e anche altri sindaci – scrive ancora nella nota pubblica – da due anni, insieme al comandante dei vigili e qualche operatore del comune, stiamo facendo il tracciato di intere famiglie e gruppi. Non sarebbe di nostra competenza… ma in “guerra” non puoi sottrarti alle battaglie». Ed ancora: «A volte nel periodo più drammatico del Covid 19 ho spesso inviato la macchina del mio comune guidata da un impiegato per prendere a Scalea medici e infermieri dell’Usca per le visite e tamponi domiciliari, soprattutto a persone anziane sequestrati in casa, con grandi disagi e pericoli di morte. Conosco la tua sensibilità e disponibilità – dice infine rivolgendosi ancora al commissario La Regina – ma è necessario intervenire subito adesso per dare fiducia già quasi persa ai cittadini del territorio».

Articoli correlati